Il re è nudo: siamo tutti Massimo Bossetti

Negli ultimi giorni mi è tornata più volte alla memoria la celebre fiaba di Hans Christian Andersen I vestiti nuovi dell’imperatore.

La fiaba racconta di un imperatore vanitoso abilmente raggirato da due sedicenti tessitori, che giunti in città sostengono di avere a disposizione un meraviglioso tessuto con la peculiarità di essere invisibile agli stolti.
L’imperatore chiama i due truffatori alla sua reggia, chiedendo loro un abito su misura.
Ultimato l’abito, l’imperatore non lo vede, ma non volendo fare la figura dello stolto, finge di vederlo e di essere incantato dalla sua bellezza; stessa cosa fanno i suoi cortigiani, che lodano estasiati la bellezza dell’inesistente abito.
Un bel giorno, l’imperatore decide finalmente di sfilare per le vie della città con il nuovo abito, ed anche i sudditi, pur non vedendo alcunché, si lanciano in lodi sperticate della magnificenza del tessuto.
Questo clima idilliaco viene però repentinamente spezzato da un bimbo, che in tutta la sua innocenza non può fare a meno di esclamare a gran voce: “Il re è nudo!”.

Tuttavia, la beffa sembra non essere tanto questa, quanto il fatto che nonostante tutto l’imperatore continui tronfio ed imperterrito a sfilare in mutande.

Ecco, questa fiaba di Andersen sembra avere una qualche somiglianza con l’atteggiamento mediatico al quale stiamo assistendo da quarantasei giorni a questa parte.

Nel saggio Comunicazione mediatica e processo penale- Quale impatto sul processo e quale squilibrio tra le parti (di Susanna De Nicola, Simona Ingrosso e Riccardo Lombardo), si può leggere una frase tristemente vera: “se sono sempre più diffusi i dubbi circa il funzionamento delle indagini in Italia, l’unica cosa che funziona in realtà sembrerebbe essere la velocità dell’informazione, poco importa della veridicità o meno del messaggio trasmesso.”

Nel saggio in questione viene ben evidenziato come i processi mediatici, che sempre più spesso si instaurano parallelamente ai processi penali, possano avere effetti distorsivi e “divenire uno strumento di pressione a danno del giusto ed equo processo”, svuotando di fatto ogni garanzia costituzionale entro la quale la libertà di informazione in realtà dovrebbe muovere.

Se come egregiamente notato dal Prof.Glauco Giostra i processi mediatici rispondono ad una mera logica dell’apparenza, infatti, non ci si può non domandare quai debbano essere i limiti entro i quali un processo mediatico dovrebbe potersi svolgere.

Nel 1993, l’avvocato Daniel Soulez Larivière, scrisse una lettera a due quotidiani per denunciare la sostanziale impossibilità di difendere gli imputati oggetto di gogne mediatiche: in questi casi, infatti, scrisse Larivière, gli stessi atti giudiziari finivano per essere “pieni di dettagli ininfluenti, ma appetitosi per il pubblico. Sembrava che il problema fosse quello di divertire la gente con scandali assortiti che giravano intorno all’indagine, ma non la riguardavano direttamente. Per chi si trova coinvolto, è come andare contro un muro di cemento armato. L’innocenza magari viene anche dimostrata, ma ormai il danno è fatto”.

Se la giustizia viene generalmente rappresentata come una Dea con una benda che ne copre gli occhi è perché, come scrisse Hanna Arendt, “giudicare impone di non vedere, perché solo chiudendo gli occhi si diventa spettatori imparziali, operazione impossibile in un universo saturo di immagini (spesso ritoccate) come nel nostro”.
Le (sacrosante) parole della Arendt, mostrano molto bene quale sia nei fatti il rischio dei processi mediatici.
E a nulla vale schermarsi dietro la libertà dell’informazione: perché se il Costituente doverosamente la riconosce, è impensabile che nel nome della libertà di informazione si possano calpestare e stuprare a cuor leggero altri diritti fondamentali ed inalienabili garantiti dalla nostra Carta Costituzionale, tra i quali spicca, oltre alla presunzione di innocenza, la dignità umana.

Viepiù che potenzialmente pericolosi e lesivi di alcuni importanti diritti umani per propria intrinseca natura, i processi mediatici incontrollati o per meglio dire i loro attori, sembrano dimenticare, nel caso in questione, che non si sta parlando della prova costume né dei tagli di capelli di tendenza per l’estate 2014, tematiche che possono essere affrontate superficialmente senza rischio alcuno, ma di un uomo incensurato, buon lavoratore e padre di tre bambini che proclama a gran voce la propria totale estraneità ad un atroce delitto del quale è sospettato.

Chi si ostina a ripetere che su quanto viene affermato dai media si può soprassedere in quanto i processi mediatici sono, per fortuna, privi di effetti giuridici, in realtà sbaglia: se è vero che ovviamente il processo mediatico non ha effetti penali diretti, può manifestare indirettamente effetti molto pericolosi, tanto che sull’intricato rapporto che intercorre tra libertà di informazione e diritto alla presunzione di innocenza si è pronunciata a più riprese perfino la Corte di Strasburgo.

Nella sentenza Allenet de Ribemont, che purtroppo ricorda molto il “nostro” caso relativamente ad incaute ed avventate dichiarazioni provenienti da voci istituzionali, la Corte di Strasburgo ha condannato la Francia a risarcire i danni morali e materiali a un cittadino a seguito delle incaute dichiarazioni rese dal Ministro dell’Interno circa la sua responsabilità come mandante per omicidio.
Qualche mese dopo l’uomo è stato scagionato con formula piena da tutti i capi di imputazione.
La Corte di Strasburgo ha affermato che l’informazione da parte degli organi procedenti è protetta dall’art.10 della CEDU, ma tale informazione deve essere resa “con tutta la discrezione e tutto il riserbo che il rispetto della presunzione di innocenza impone”.

Successive pronunce della Corte hanno confermato questa linea, e nel 2003 una Raccomandazione del Consiglio d’Europa ha stabilito che nella diffusione di informazioni relative ai processi penali “opinioni e informazioni relativi a procedimenti penali in corso possono essere veicolati o diffusi attraverso i media solo se questo non arreca pregiudizio alla presunzione di innocenza del sospettato o dell’accusato”.
La Corte di Strasburgo ha inoltre evidenziato che tale principio deve ritenersi valido a dall’esito del processo.

E se qualcuno potrebbe obiettare che le Raccomandazioni non sono atti giuridicamente vincolanti, è pur vero che esse hanno l’obiettivo di invitare i destinatari a seguire un determinato comportamento ritenuto utile per la tutela dei diritti umani, ed è altresì innegabile che la linea giurisprudenziale della Corte di Strasburgo è in perfetta armonia con i nostri principi costituzionali, che pongono la dignità umana al centro del proprio raggio d’azione.

Nel nostro Paese, il primo ad indossare la toga in TV fu Giuliano Ferrara ne L’Istruttoria, nel 1987.
Con il senno di poi si potrebbe esclamare un sentito “Mai lo avesse fatto!”, ed in effetti lo stesso Ferrara, nell’introduzione del libro “Il circo mediatico giudiziario” di Daniel Soulez Larivière, è tornato sulla sua esperienza in questi termini:
“Mi accadde di indossare una toga e di fare una dozzina di processi televisivi.
Ma io scherzavo.
Anzi, credevo di scherzare e ora non mi resta che chiedere perdono. Perché sapete tutti com’è andata a finire: le tv e i giornali la toga l’hanno indossata sul serio.
[…]
Io scherzavo, ma quel travestimento era una grottesca premonizione”.

Come tutti sappiamo, lo scorso 16 giugno abbiamo assistito ad un fermo eseguito in pompa magna con un dispiegamento di forze degno di un’operazione di sicurezza internazionale e seguito dal trionfalistico annuncio via twitter del ministro Angelino Alfano.

Prima di proseguire col discorso è necessario spendere nuovamente qualche parola sulla storia degna di CSI che ha portato a questo fermo.

La corrispondenza del DNA è stata strombazzata ai quattro venti sin dai primi giorni senza approfondire quasi mai la questione: probabilmente la cosa suonava troppo bene così com’era per rischiare di rovinare il tutto con spiegazioni più accurate.

Il 30 luglio, due giorni fa, durante la trasmissione “Estate in Diretta”  la TV di stato (Rai 1) ha dato un esempio molto chiaro di cosa sia un tribunale mediatico.

Si è tornati ancora sulla cella telefonica di Chignolo agganciata il 6 dicembre.
Per quanto mi riguarda si può essere colpevolisti quanto si vuole, ma non si può prendere per il naso il pubblico.
Il 26 novembre sappiamo tutti che Massimo Bossetti aggancia la cella di Mapello, compatibile con la propria abitazione.
Siccome però fa comodo dipingerlo come colpevole, e il re nudo deve continuare la propria sfilata, allora si ipotizza che in realtà non fosse a casa sua, ma vicino alla palestra di Brembate, e che la cella telefonica locale fosse “intasata” cosicché ha agganciato quella di Mapello (che -guarda caso!- è la stessa che copre nientemeno che la sua abitazione).
Questo fatto, in effetti, per quanto singolare nelle sue implicazioni inverse, potrebbe anche essere plausibile.

Cito ad esempio un saggio del Dott. Paolo Reale pubblicato su Digital Forensic:

Da quanto precedentemente descritto, è evidente che l’analisi delle celle si fonda su una valutazione di tipo probabilistico, per cui è fondamentale comprendere quali siano i fattori da tenere in considerazione, per stimare l’affidabilità dei risultati.
Questi fattori possono essere sintetizzati in:
1) la qualità delle mappe disponibili (accuratezza della
modellizzazione del territorio, definizione della
simulazione), che forniscono un’indicazione statistica
della cosiddetta “cella miglior servente”;
2) lo stato effettivo della/e stazione/i base nel periodo di
interesse, incluso il livello di traffico totale gestito: la rete
prevede logiche di instradamento delle chiamate, e di
aggancio delle celle, anche in funzione del carico servito;
3) gli algoritmi utilizzati dalla rete e dai terminali in modo
dinamico per stabilire l’aggancio e lo scambio con le
altre celle;
4) la peculiarità di alcune posizioni geografiche, che per
varie ragioni (posizionamento degli edifici, riflessioni
di segnale etc.) possono far sì che, a dispetto di quanto
rappresentato nella mappa, si possa avere una cella
miglior servente diversa da quella prevista. Questo vale
in particolare negli ambienti indoor;
5) altri fattori specifici ambientali (es. meteorologici).
Tutti i fattori sopra descritti possono influire nel meccanismo di “aggancio” tra cella e terminale, facendo sì che in un dato punto geografico ed in un dato momento la cella
che effettivamente sta servendo il cellulare possa essere differente da quella rappresentata dalla mappa di copertura analizzata.

E’ quindi possibile agganciare una cella telefonica diversa quella “miglior servente”, specie se si tratta di spazi geografici ridotti.
Tuttavia, a questo punto, logica vuole che se è possibile fare un discorso di questo tipo per le celle telefoniche agganciate da Bossetti, un discorso analogo possa essere fatto in relazione a Yara, che aggancia alle ore 18,49 la cella telefonica di Mapello: stante la logica di cui sopra, nulla vieta di pensare a questo punto che l’abbia agganciate da Brembate o da altra zona limitrofa.

Ma soprattutto, è impensabile di poter fare un “taglia e cuci” su misura dei presunti indizi, e dire che se Bossetti il 26 novembre aggancia la cella telefonica di Mapello era a Brembate e non in casa sua, mentre se il 6 dicembre aggancia quella di Chignolo, allora era certamente a Chignolo.
A questo punto, infatti, si potrebbe tranquillamente prospettare che Bossetti abbia agganciato la cella telefonica di Chignolo da Mapello.
Ma soprattutto non si capisce perché dieci giorni dopo la scomparsa di Yara quest’uomo non potesse stare in un paese che confina con il suo: cosa dovrebbe provare questo fatto?
Chiunque viva in piccole realtà geografiche sa bene che non è certo una rarità passare per un paese limitrofo: a questo punto, sono certa che un simile indizio finirebbe per collimare con la quasi totalità della popolazione locale.

[Per un quadro più dettagliato della questione relativa alle celle telefoniche rimando in ogni caso al mio precedente articolo La questione delle celle telefoniche: tanto rumore per nulla?]

Ciò che pare non venga capito con facilità è che avere i media contro non è bello per nessuno.
Essere dentro un carcere, in isolamento, e non poter controbattere a tutte le accuse basate sul nulla che vengono giornalmente spacciate come indizi schiaccianti, è un incubo.
E se i giornali dicono che il tuo cellulare ha agganciato la cella di Mapello dove abiti e per questo ti trovavi non nel tuo paese ma a Brembate, pensi che devi essere pazzo per non capire; se poi dicono che il 6 dicembre hai agganciato la cella telefonica di un paese che confina con il tuo, e che anche questo è un indizio, allora pensi che forse sei l’unica persona sana al mondo e che sono tutti gli altri ad essere pazzi.

Se poi ti viene chiesto cosa hai fatto il 6 dicembre di quattro anni prima, e hai la sfortuna di essere così smemorato da non ricordarlo (come non lo ricorderebbe il resto del mondo), magari provi a dire che potresti essere stato a Chignolo per acquistare del materiale edile, dal momento che eri solito acquistarlo lì: ma il titolare del negozio non ricorda di averti visto il 6 dicembre di quattro anni prima (ancora una volta, come non lo ricorderebbe il resto del mondo, perché nessuno può ricordare chi ha visto un giorno specifico di quattro anni prima), e anche la barista non ti ricorda, quindi è chiaro, secondo i media, che sei inequivocabilmente un assassino.

E di questo non puoi e non devi sorprenderti, perché che tu fossi un assassino era già stato annunciato su Twitter contestualmente al tuo fermo, e a nulla varrà ricordare un triste precedente che il nostro Paese può “vantare”: correva infatti il 1996 quando Oscar Luigi Scalfaro si lasciò andare ad affermazioni di stampo colpevolista sull’allora indagato Marco Dimitri, successivamente assolto con formula piena da tutte le accuse e in tutti i gradi di giudizio per insussistenza del fatto, nonché profumatamente -e doverosamente- risarcito a spese dei contribuenti per 400 giorni di ingiusta detenzione in custodia cautelare.

Se si annoverano inoltre tra gli indizi della tua colpevolezza perfino quelle innocenti sedute al solarium per cancellare i tipici segni della “abbronzatura da muratore”, qualche cena alla trattoria “La Toscanaccia”, e perfino gli “occhi di ghiaccio” dei quali Madre Natura ti ha gentilmente fatto dono, cosa mai potresti ribattere, da semplice operaio senza alcuna nozione in materia, dinnanzi ad un puntiglioso tecnicismo come quello delle celle telefoniche?

Ma siccome, ancora una volta, il re nudo deve continuare la sfilata perché dopo gli annunci in pompa magna fare un passo indietro sarebbe forse troppo imbarazzante, ci si appiglia imperterriti a quella traccia di DNA, sulla quale tanto abbiamo detto e scritto.

Sempre ad Estate in Diretta, il direttore della solita rivista “Giallo”, Biavardi, ha continuato con ostinazione a ripetere che Bossetti ha subito un furto di attrezzi successivamente all’omicidio, la qual cosa dunque smentirebbe la possibilità di trasporto del DNA attraverso l’arma del delitto.

Davvero?

Ciò che sembra sfuggire è, ancora una volta, il nocciolo della questione: è necessario un furto di attrezzi per motivare la veicolazione del DNA attraverso un’arma del delitto precedentemente contaminata?
Ovviamente no.
O il signor Biavardi ritiene così peregrina l’ipotesi che un muratore possa perdere un taglierino sul luogo di lavoro, cosa tutt’altro che infrequente e per la quale nessuno -ovviamente- sporgerebbe denuncia?
Forse basterebbe semplicemente pensare che la rivista “Giallo” è la stessa che qualche settimana fa ha scritto in copertina, erroneamente, che i colleghi di Bossetti hanno smentito che soffrisse di epistassi, cosa che invece hanno confermato all’unanimità (come si può tranquillamente leggere su tutti gli organi di stampa diversi da Giallo), per farsi un’idea più completa, ma per carità di patria, mi fermo qui: in realtà mi chiedo se l’unico “giallo” non sia il fatto che il settimanale in questione pubblichi notizie prive di riscontro in qualsiasi altro mezzo di informazione, ma trovo che sparare sulla Croce Rossa sia fondamentalmente indice di pochezza, quindi lascio ad altri l’ingrato compito di indagare su questo curioso mistero.

Per par condicio, comunque, dal momento che oltre ai vizi è sempre bene richiamare anche le virtù, è doveroso segnalare, nella summenzionata puntata di Estate in diretta, l’interessante intervento dell’avvocato Ettore Tacchini, che ha doverosamente espresso seri dubbi sul fatto che una traccia di DNA possa essere sufficiente ad una sentenza di condanna, se avulsa da un corollario di altri indizi che, ad oggi, sembrano mancare.

Oggi Estate in diretta ha chiuso i battenti, e vista la sua caratura non molto imparziale (per usare un generoso eufemismo) me ne potrei quasi rallegrare: eppure sarebbe inutile, perché a prescindere da quanto potrà accadere in seguito, il danno è fatto.

L’immagine di Massimo Bossetti come assassino, come “uomo nero”, come mostro, è stata fissata come punto fermo nella coscienza degli Italiani, e quand’anche si arrivasse ad una sentenza assolutoria, per quanto sia triste dirlo, buona parte dell’opinione pubblica continuerebbe a considerare Massimo Bossetti colpevole.

Nel saggio antropologico Capri espiatori di massa del Dott. Osvaldo Duilio Rossi è ben descritto il processo di spersonalizzazione che accompagna la costruzione del mostro mediatico nei casi di cronaca nera: si comincia in modo semplice, destituendo i sospettati di tutti quei titoli personali (Dott., Prof., Sig.) che costituiscono la base delle interazioni sociali, ed indicandoli generalmente per cognome (mentre per le vittime si predilige il nome), e in seguito “i loro passati personali e professionali sono stralciati dall’informazione; solo vaghi accenni aprono uno spiraglio sulla loro storia certa e, invece, tutta l’attenzione viene concentrata sulle ipotesi incerte relative alla malefatta. [… ]
Questa spogliazione potrebbe essere un sistema per istituire il capro espiatorio: non più membri della società perché destituiti dei loro ruoli sociali, i sospettati pubblicati in prima pagina sarebbero pronti per essere accettati come vittime sacrificali; sarebbero allontanati simbolicamente dalla società, pronti per essere precipitati dalla rupe”.

Per questo motivo, trovo assai discutibile l’atteggiamento di coloro che, di fronte alle evidenti incongruenze del caso, non volendo esporsi troppo si schermano dietro un ipocrita “non per difendere Bossetti, ma…”.
Questa frase non significa nulla: se c’è un ma, in uno stato di diritto deve essere fatto valere.
Perché se il “ma” esprime un dubbio, in uno stato di diritto il dubbio si valuta pro reo.
Quindi se io ho dei dubbi non parlo “non per difendere Massimo Bossetti, ma”: se ho dubbi io parlo proprio per difendere Massimo Bossetti.

Nella tesi “IL PROCESSO MASS-MEDIATICO
QUANDO LA COLLETTIVITA’ SI IDENTIFICA
NELLA CRONACA NERA” (Relatore: Dott. Massimo Numa, Candidato Dott. Alessandro Scherillo) si parla ancora di ragionevole dubbio in relazione alla prova scientifica, e si evidenziano alcune problematiche salienti, delle quali cito un passo estremamente evocativo, che nel caso in esame non dovrebbe essere dimenticato:

“Le ricostruzioni perfette rischiano di essere mere utopie.
I giudici che sono maggiormente influenzati dalle varie serie televisive
CSI, RIS, etc trasferiscono sugli esperti della scientifica quello che dovrebbe essere il proprio ruolo; si aspettano che, in sede di processo, la presentazione delle fonti di prova sia seguita da una precisa, assoluta, inconfutabile ricostruzione dei fatti, ancor prima che tutte le altre parti in causa (testimoni, psichiatri, etc) siano state sentite.
Come dice Henri Poincaré “La scienza si fa con i fatti come una casa si fa con i mattoni, ma l’accumulazione dei fatti non è scienza più di quanto un mucchio di mattoni non sia una casa”.
Le serie dedicate alla polizia scientifica hanno un enorme successo, ma
spingono a credere che basti solo un esame del DNA per incastrare i colpevoli.”

La verità è che il DNA non basta, specie se in un’unica traccia esigua e di origine dubbia, specie se in una traccia mista con tutte le sorprese che ne potrebbero derivare (si pensi al clamoroso errore avvenuto negli USA proprio a causa di una traccia mista nel caso Timothy Durham, opportunamente citato sul Messaggero in un editoriale del primo luglio dall’Avv. Pierluigi Porazzi), specie se l’imputato soffre di epistassi e fa un lavoro che lo espone allo smarrimento di oggetto passibili di essere utilizzati come arma del delitto, specie se ci si trova nella plateale assenza di movente e di altri riscontri dotati di logica che spingono a tappare i buchi sguazzando in un gossip di infima lega.

D’altro canto, come evidenziato in un saggio relativo al processo di Perugia (Il processo di Perugia tra conoscenza istintuale e scienza del dubbio) dai Dott. Paolo Tonini e Carlotta Conti, mentre le prove dell’accusa devono vincere il ragionevole dubbio, non è invece necessario che l’ipotesi alternativa proposta “risulti caratterizzata da una probabilità logica al di là del ragionevole dubbio. Proprio in virtù del canone in dubio pro reo è sufficiente che essa appaia “non irragionevolmente ipotizzabile”, sempre con riferimento -s’intende- al caso concreto”.

Nel medesimo saggio si evidenzia come la “conoscenza istintuale”, nel seno del quale nasce il colpevolismo di quella parte dell’opinione pubblica che ne è irrimediabilmente affetta, non conosca il concetto di dubbio, e si configuri sostanzialmente come un meccanismo di difesa psichica tutt’altro che ragionevole.

In conclusione, i due Autori evidenziano come essi stessi abbiano proposto ai giornali la pubblicazione di un articolo che illustrasse il corretto modo di ragionare in relazione al processo in analisi, ottenendo in tutta risposta un netto rifiuto: la triste verità è che quanto si basa sulla logica e l’uso della ragione non sempre risulta appetibile al grande pubblico, che, in fondo, preferisce del mostro e ne ha un costante bisogno per esorcizzare le proprie paure più ataviche- quasi i processi mediatici possano assumere una sorta di ruolo “catartico” per lo spettatore esterno, ovviamente a spese del “mostro” volta a volta oltraggiato senza pietà prima che se ne accerti la eventuale colpevolezza ed esposto impunemente al pubblico ludibrio.

Il saggio si conclude con l’auspicio degli autori che l’aver toccato il fondo possa servire da monito per il futuro.

Un auspicio che, ad oggi, non sembra purtroppo aver trovato accoglimento, e non solo nei media: perché se il fatto che i media non esitino a ritagliare una serie di “notizie” (e non-notizie) appetibili ma incomplete e incongrue, per quanto stigmatizzabile, rientra ahimè tra le pecche del sistema mediatico, non sembra invece incoraggiante né razionalmente spiegabile leggere in un’ordinanza che venga preso per buono il racconto del fratello minore di Yara nel momento in cui, con una psicologa, afferma che la sorella aveva paura di un signore con una macchina grigia e “una barbettina” (stante il fatto che il signor Massimo Bossetti risulta avere una Volvo di colore grigio e il pizzetto), ma venga liquidato sommariamente in quanto trattasi di “un teste di minore età la cui capacità di rappresentazione dei fatti non può essere equiparata a quello di un adulto” il fatto che l’uomo descritto dal fratellino di Yara fosse “cicciottello” (aggettivo che senza dubbio non corrisponde affatto alla fisionomia di Massimo Bossetti) e addirittura il fatto che il bambino, quando gli hanno mostrato una foto, non ha riconosciuto l’indagato nell’uomo che aveva precedentemente descritto e che sostiene che la sorella gli avesse mostrato in Chiesa.

il-re-è-nudo_634

Insomma, il re è nudo, e la petulanza con la quale continua a portare avanti attraverso i media un grottesco teatro dell’assurdo (o degli orrori?) è la prova del fatto che lo ha perlomeno subodorato.
Forse servirebbe una voce dell’innocenza, quale il bambino della fiaba di Andersen, per farlo notare coram populo, ma proprio come nella celebre fiaba temo, ahimè, che la sfilata degli orrori continuerebbe.

Per questo, non mi sembra eccessivo concludere l’articolo dicendo che siamo tutti Massimo Bossetti: e non si tratta di una semplice frase ad effetto, perché se si accetta passivamente che principi come il dubio pro reo vengano sacrificati sugli altari del circo mediatico, il prossimo mostro sbattuto in prima pagina senza alcun pudore e senza alcuna garanzia potremmo essere noi.
E forse allora, per parafrasare i celebri versi del pastore Martin Niemöller, non sarà rimasto nessuno a protestare.

Alessandra Pilloni

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...