«Se cammini abbastanza» disse il Gatto «da qualche parte arrivi di sicuro.» (Una riflessione di Laura)

Alice-in-Wonderland

“Cosa vedi sulla strada?”
“Nulla.”
“Che spettacolo dev’essere! Che aspetto ha questo nulla?”

Lewis Carroll docet.


Alla luce della manovra effettuata dal GIP, atta a prendere tempo e a scaricare un po’ della responsabilità di una carcerazione ingiusta sui legali della parte lesa, urgono delle osservazioni.

Come scrissi in un articolo ormai molte lune fa, in tempi ancora non sospetti ove essere una “garantista” equivaleva a portare la lettera scarlatta, l’omicidio della giovane Yara non sembrava, e men che meno sembra oggi, un omicidio premeditato né tantomeno a sfondo sessuale.
Potrebbe essere valida la pista immediatamente accantonata del branco di giovani o peggio di un gruppo di ragazzi che la vittima conosceva, se anche solo di vista.

L’unica certezza è che in questa vicenda non esistono certezze dunque si potrebbero ipotizzare centinaia di scenari diversi e non si arriverebbe comunque a nulla di più del pugno di mosche che la Procura di Bergamo stringe in questo momento.

Va da sé che non sussiste alcun elemento probatorio che tenga banco durante un processo.

E’ vero che l’Italia è diventata, negli ultimi anni, tristemente famosa per i suoi numerosi processi indiziari finiti con condanne vergognose, ma si è trattato, senza far nomi o citare i casi, di “condannati” o imputati vicini alle vittime, che le conoscevano bene e le vivevano nel quotidiano (e ripeto non scendo nel merito come mi aspetto da chi mi leggerà).
Questo non fa di loro degli assassini e non fa delle macchinose fantasie dei PM delle prove.

I processi indiziari sono sempre molto delicati perchè vanno a toccare  per forza di cose dei tasti “al limite” delle garanzie di legge ma nel caso del signor Bossetti ci troviamo di fronte ad un uomo senza nessun legame con la vittima, la quale egli giura di non aver mai incontrato.

Se non si vuole credere all’ormai “più bugiardo” d’Italia bisogna quantomeno dargli atto che nessun altro elemento, se non quella microscopica traccia biologica, lo collega alla vittima. Abbiamo più volte ricordato, nel nostro gruppo facebook, che quelli che dai media sono stati spacciati per elementi a carico di Massimo Giuseppe Bossetti, (quali la sua presenza in zona, nella quale lui risiede, avallata dalla cella telefonica agganciata la sera del 26 novembre, la presenza di un furgone del tutto dissimile da quello dell’operaio ripreso dalle telecamere, la sua assiduità nel frequentare luoghi familiari a Yara, rivelatisi poi luoghi obbligati di passaggio per recarsi al lavoro e rincasare, la sua presenza, confermata da lui stesso, sul luogo del ritrovamento nel febbraio dell’anno successivo, l’assenza dal lavoro, per sua stessa ammissione quel venerdì e quant’altro), sono solo banalità che non troverebbero collocazione in ambito processuale poiché intrinsecamente vuote di ogni valenza probatoria e quindi, in nessun modo per quanto le si rigiri, utilizzabili per un rinvio a giudizio.

C’è da sottolineare anche, e lo faccio spogliando anticipatamente questi concetti da ogni valore a favore o contro l’indagato, che la stampa, approfittando della lunga gittata nel tempo di questo caso di cronaca, ci ha marciato sbandierando tutto ed il contrario di tutto come se non dovesse esserci un domani, confidando nella poca memoria dello spettatore medio, il quale, alla ricerca continua dello scoop giornaliero con cui accompagnare il cornetto ed il  caffè, non bada o non vuol badare alle contraddizioni.
Ma c’è chi è più attento della media e ricorda sin troppo bene che sia il silenzio che il voler contribuire rispondendo alle domande degli inquirenti sono stati letti come segno di malafede da parte dell’operaio, e ancora ricorda bene come lui avesse dichiarato di soffrire di epistassi dal principio, nel tentativo di dare una spiegazione alla presenza del suo DNA sul cadavere, ipotizzando da profano come tutti noi un trasferimento secondario a mezzo arma, e come questo suo tentativo sia stato distorto arrivando a scrivere che lui  confermava essere suo il DNA sulla vittima.
Praticamente un reo confesso cui però non è stato prestato sufficiente orecchio se ancora si cercano appigli negli sfasciacarrozze della bergamasca.

La premura di trovare un colpevole per salvare la faccia ha scavato la fossa e la cattiva informazione ha provveduto a cementare la lapide sulla tomba di un uomo cui sono stati negati i diritti fondamentali di legge.

“Visto che il problema non era di immediata soluzione, non aveva molta importanza che fosse espresso correttamente.”

Si usa dire che Alice nel paese delle meraviglie sia un capolavoro del nonsense e nulla è più calzante del concetto di nonsense per riassumere i toni di questa vicenda.

“Benché il nonsense venga spesso inteso come mancanza di senso, in realtà esso è solo negazione di senso, e presuppone dunque la sua presenza”

“Il nonsense non è dunque sinonimo di demenziale né di insensato.
Il nonsense è il rovesciamento del senso corrente.
Lewis Carroll fa questo a tutti i livelli, sovverte tutte le regole del mondo conosciuto: si mettono in discussione le leggi della fisica, si discutono quelle dell’educazione e del buonsenso, si ribaltano le pratiche linguistiche e le pratiche giudiziarie.
Il mondo in cui Alice si muove è una dimensione anarchica e sovversiva, priva di una geografia ben definita: andando a destra si arriva dalla stessa parte che andando a sinistra, prima si era in una stanza circolare e d’un tratto si galleggia sul pelo di un oceano, nei tronchi degli alberi si aprono porte verso l’interno.
Non si tratta neanche di uno spazio labirintico.
Si tratta decisamente di un non-spazio, uno spazio onirico in cui si muovono personaggi onirici, o meglio apparizioni.”

(cit. da “Io vivo quando nessuno mi vede” di Chiara Pagliochini)

Solo se fosse un racconto di Carroll potrebbe andarmi a genio questa sconclusionata e folle storia.
Mi spaventa però leggere tra le righe di un fatto di cronaca di tale portata gli stessi messaggi che trapelano analizzando “Alice nel paese delle meraviglie” con gli occhi di adulta!

Quelli che Carroll ci propina tra un morso di dolcetto e un sorso di tè sono infatti dei severi ammonimenti riguardo alle “cadute” che si possono prendere quando si perde di vista la dimensione in cui, ci piaccia o no, si vive poiché anche una sola leggerezza, anche un solo attimo di cecità può portare a gravissime conseguenze.

Qui c’è in ballo la vita di un uomo la cui responsabilità è di tutti.

Noi siamo determinati ad esserci ogni giorno, a far sentire la nostra presenza, ad alitare sul collo della Regina di cuori che fa cadere teste come fossero castagne.
Metteremo in discussione la cronaca minuto per minuto e faremo sentire la nostra voce di libertà e giustizia per Massimo Giuseppe Bossetti, non un fratello, non un parente né un conoscente, solo un malcapitato caduto nella tana del Bianconiglio.

“Alice non va dove la porta il cuore: va dove la porta il caos”  

« Puoi dirmi da che parte devo andare? »

  «Tutto dipende da dove vuoi arrivare » disse il Gatto.

«Non importa molto dove… » disse Alice.

«Allora non importa neanche che direzione prendi»  disse il Gatto.

«Mi basta arrivare da qualche parte» aggiunse Alice a mo’ di spiegazione.

«Beh, se cammini abbastanza»  disse il Gatto  «da qualche parte arrivi di sicuro»

Quanta saggezza in una favola per bambini eodem tempore monito per i grandi.
Una logica cristallina che arriva ai più piccoli, i quali scevri da malizia, colgono quello che a noi  spesso sfugge.
Alice è da generazioni sia una guida al vivere civile sia la favola più bella di tutti i tempi. Peccato che incarni anche in toto questo brutto fatto di nera.
Chissà che il buonsenso di qualcuno non ritrovi la strada di casa…

“Prima la sentenza e poi il verdetto”

Per ora questa è la strategia dell’accusa.

Tieni un uomo in isolamento e scava in qualsiasi direzione, non importa quale…da qualche parte arriverai!

Annunci

2 thoughts on “«Se cammini abbastanza» disse il Gatto «da qualche parte arrivi di sicuro.» (Una riflessione di Laura)

  1. “sono solo banalità che non troverebbero collocazione in ambito processuale poiché intrinsecamente vuote di ogni valenza probatoria e quindi, in nessun modo per quanto le si rigiri, utilizzabili per un rinvio a giudizio.” Io invece ho paura che le troveremo tutte, anzi penso saranno messi come puntelli per sostenere il fragile castello di carte costruito sulla “prova” del DNA; e purtroppo penso che, almeno in primo grado, reggeranno, perché in quel della procura di Bergamo nessuno ha interesse a mettere in discussione queste indagini.
    Forse solo se gli avvocati riuscissero ad ottenere il trasferimento del processo da un’altra parte, si troverebbero davanti a un giudice davvero terzo. Quella procura purtroppo è già tristemente nota per altri fattacci

    Mi piace

    • Concordo sul fatto che nessuno abbia intenzione di smenarci la reputazione… Hai ragione sul fatto che in primo grado sembri spesso valere, del tutto contra legem, una sorta di “in dubio pro culpa” (alla faccia dell’in dubio pro reo): in genere è proprio in appello, come pare dica sempre anche il Prof. Coppi, che si assiste al vero processo.
      In questo caso però devo dire che gli elementi trapelati sono davvero molto, molto deboli.
      Temo anche io che questa storia si protrarrà a lungo, ma se davvero dovesse concludersi con una condanna, sulla base di questi elementi del tutto inadeguati, temo che sarebbe il caso di espatriare…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...