Ignoto1? Un DNA impossibile in natura. Ed ora affannatevi meno nell’arrampicata sugli specchi e liberate Massimo Bossetti

necrologio_ignoto1 “I medici i loro errori li nascondono sottoterra, i giudici in galera.” (Edoardo Mori, giudice)


Articolo scritto a sei mani con Laura e Sashinka.

In data primo agosto, pubblicai su questo blog un articolo intitolato Il re è nudo: siamo tutti Massimo Bossetti: in questo articolo, nell’evidenziare la crescente disinformazione sulla vicenda, qui stigmatizzata sin dai primi tempi, mi permettevo di ascriverla espressamente all’assenza di qualsivoglia elemento probatorio concreto che potesse giustificare la carcerazione del sig. Massimo Bossetti.
In quell’occasione avevo altresì evidenziato una forte somiglianza della vicenda mediatico-giudiziaria relativa al sig. Bossetti con la celebre fiaba di Hans Christian Andersen I vestiti nuovi dell’imperatore, segnatamente per la nonchalance con la quale il sovrano della fiaba, conscio di essere in mutande, continuava tronfio a sfilare tra la folla.

I frequentatori abituali di questo blog saranno certamente già a conoscenza delle ultime informazioni emerse, in particolare della clamorosa non corrispondenza del DNA mitocondriale di Ignoto1 con quello di Massimo Bossetti, evidenziata non dai periti della difesa, ma dall’ultima relazione depositata dai consulenti della pubblica accusa, ed in particolare dal Dott. Carlo Previderè.
Tuttavia, dal momento che in questa sede abbiamo sempre cercato di procedere per gradi al fine di collocare ogni elemento in quadro più ampio, non rinunceremo neppure stavolta all’analisi delle notizie e pseudonotizie susseguitesi negli ultimi tempi.

Perdonate l’ironia racchiusa nell’immagine introduttiva, essa nasconde invero un’indicibile amarezza.
Ci siamo lambiccate il cervello immaginando una ricostruzione degli eventi che spiegasse un trasporto accidentale di materiale organico, ed in effetti siamo riuscite anche a trovare una cospicua casistica scientifica (nell’articolo Lo Stato di diritto ai tempi dell’austerity: se “la scienza non mente”, è bene che non menta per nessuno abbiamo anche inserito specifiche tabelle con dati tecnici, tratte da una nota pubblicazione nell’ambito della genetica forense) e giudiziaria, che non manca di episodi eclatanti.

Naturalmente non ci rimangiamo nulla di quanto scritto fino ad ora, in quanto ci siamo sempre preoccupate di proporre ipotesi giuridicamente e scientificamente accurate, che restano dunque del tutto valide.
Dobbiamo però dire, a questo punto, che proprio nel nome dell’accuratezza delle informazioni e intimorite dalla prospettiva di potere, ventilando ipotesi infondate, arrecare al sig. Bossetti più danni che benefici, abbiamo sempre cercato di respingere in fondo allo stomaco il dubbio di un errore di laboratorio commesso a monte, perché sarebbe stato troppo anche per noi, ipercritiche nei confronti degli investigatori e diffidenti verso la Procura, credere che si lasciasse marcire un uomo in galera per una questione che si riduce al detto “mors tua vita mea”.

Certo lo avevamo ipotizzato, ma più per esorcizzare il pensiero di una simile bestialità che per la convinzione che stesse avvenendo davvero.
Avevamo tuttavia più di una volta, sia pure con discrezione, lasciato trasparire la possibilità di un errore in tal senso, specie dovuto a contaminazione, sottolineando come la cosa, sempre rabbiosamente respinta da opinionisti e presunti esperti negli ultimi mesi, non avrebbe certo costituito una novità nel panorama investigativo e giudiziario nostrano. Gongolare non fa onore e, a dire il vero, non è nemmeno giunto il tempo per farlo, nonostante si possa ormai affermare con sufficiente tranquillità che la traccia biologica che da sette mesi tiene (peraltro indebitamente, vedi qui: AAA cercasi “un giudice a Berlino”: perché la mancata scarcerazione di Bossetti dovrebbe preoccupare tutti noi) in carcere il signor Bossetti, è quantomeno –nella più rosea delle prospettive che si profilano ormai all’orizzonte della pubblica accusacontaminata, dunque inutilizzabile e priva di qualsivoglia valore probatorio.

In ogni caso, finché il sig. Massimo non sarà “dissequestrato”, come ha simpaticamente scritto Luca, un iscritto al nostro gruppo facebook, in un suo commento, e non verrà prosciolto da ogni accusa, non si mangeranno confetti in questa casa.

Deve essere anche chiaro che la nostra scelta di attendere ed auspicare l’immediata, specie alla luce delle ultime risultanze, scarcerazione di Massimo Bossetti non è frutto di simpatie o prese di posizione personali, né tantomeno del fatto che siamo un club di persone invasate e sovversive, come la Dott.ssa Matone, magistrato, sembra considerare (vedi l’articolo Libera espressione: chimera o realtà?) i promotori di gruppi in difesa di questo o quell’indagato.
Dal canto nostro, siamo liete per le grandi e inattese manifestazioni di stima ricevute da più parti nel corso dei mesi, ma qualora ce ne fosse bisogno ricordiamo che abbiamo sempre perorato questa causa senza alcun tornaconto, diretto o indiretto, e per pura convinzione e idealismo personale.

Questo blog è il frutto del lavoro individuale e collettivo di una serie di persone che hanno deciso, dopo aver letto l’ordinanza di custodia cautelare del GIP Ezia Maccora, considerandola, ad onta del linciaggio mediatico senza pari, assolutamente fumosa, di voler discutere il caso, partendo dai propri dubbi, per capirne di più.

Nonostante alcuni di noi abbiano una formazione giuridica, in questa sede abbiamo cercato di valutare la questione sia dal punto di vista formale, sia da quello sostanziale, cercando di ricostruire i fatti: certamente, possiamo allora dire che dietro il nostro progetto c’è di più del semplice garantismo, perché mentre il garantismo è una questione meramente “formale”, noi siamo altresì convinte, sulla base di osservazioni alle quali abbiamo dedicato uno spazio considerevole, dell’innocenza sul piano fattuale del signor Bossetti.
E noi non crediamo a Massimo Bossetti -attenzione!- al fine di ostacolare il corretto svolgimento delle indagini né tantomeno per partito preso, ma gli crediamo per la semplice constatazione del fatto che in oltre sette mesi questa indagine non è riuscita a darci una sola ragione per la quale non credergli, ma anzi ha fatto di tutto per renderci sempre più convinte di quanto già pensavamo.
Nel già menzionato articolo Libera espressione: chimera o realtà?, in particolare, abbiamo individuato e discusso, tra il serio e il faceto, otto pseudonotizie spacciate per indizi a carico del sig. Bossetti dai nostri media, e in realtà autentiche fanfaluche, alcune delle quali molto imbarazzanti; al fine di capire meglio quanto accaduto negli ultimi tempi, è arrivato il momento di offrirvi qualche “nuova” (si fa per dire, perché giornali e Procura di Bergamo sembrano affetti da un’inguaribile carenza di fantasia) perla, ed in particolare di coglierne il meccanismo crono-logico di fondo, ormai chiaro a qualsiasi osservatore dotato di un Q.I. superiore a quello del fratello scemo di Mr. Bean.

Come affermato anche dall’Avv. Claudio Salvagni in un’intervista rilasciata in data 19 dicembre al Garantista con il titolo “Basta sciocchezze Tv, così rovinate un uomo” (http://ilgarantista.it/2014/12/19/lavvocato-di-bossetti-basta-sciocchezze-tv-cosi-rovinate-un-uomo/) la “macchina del fango” si è sempre attivata prontamente ogniqualvolta stessero emergendo o fossero emersi elementi a favore di Massimo Bossetti, da ultimo l’assenza di qualsivoglia riscontro negli accertamenti tecnici condotti su auto, furgone, oggetti sequestrati, telefoni cellulari.

Crediamo che questa dinamica sia ormai chiara a chiunque segua con attenzione il caso, ma di recente il tempismo e i contenuti delle pseudonotizie/veline della Procura sono stati così profondamente imbarazzanti che crediamo valga la pena di riportarli, foss’anche per non togliere ai nostri affezionati lettori il piacere di una sana risata.
In data 12 dicembre i giornali hanno diffuso, un po’ sottovoce ma su questo soprassediamo, la notizia del fatto che è stata depositata la perizia su auto, furgone e oggetti sequestrati a Massimo Bossetti, i cui risultati parlano chiaro: non è stata trovata nessuna traccia riconducibile a Yara.

Una certezza, questa, che non può essere rigirata in alcun modo, trattandosi di un accertamento tecnico irripetibile e regolarmente condotto in contraddittorio.
Appena qualche giorno dopo, in data 16 dicembre, sono arrivati i 180 giorni dal fermo, e con essi è scaduto il termine utile per la richiesta di giudizio immediato, che non è stato chiesto.
Un fatto, questo, di significato e peso notevole.
Il giudizio immediato viene chiesto, ai sensi dell’art. 453 c.p.p., “quando la prova appare evidente”.
La mancata richiesta di giudizio immediato, indica dunque che neppure la Procura di Bergamo ritiene di avere in mano prove evidenti a carico del sig. Bossetti.

I più attenti ricorderanno che per settimane, dopo il fermo del sig. Massimo Bossetti, venne strombazzata ai quattro venti la notizia secondo la quale sarebbe stato chiesto il giudizio immediato.
Le cose, evidentemente, non sono andate così, e il tempo ha dato ragione ai pochi che avevano sempre avuto l’ardire di sostenere che la Procura di Bergamo non avesse in mano nessun autentico elemento probatorio idoneo a superare il vaglio processuale.
Dal momento che per mesi e mesi era stato sostenuto l’opposto, in un mondo ideale ci sarebbe aspettato, il 17 dicembre, qualche articolo giornalistico pronto a fare mea culpa. D’altronde, se dispongono di prove solide, se tutto è chiaro sulla colpevolezza di Massimo Bossetti, per quale motivo non chiudere i faldoni e andare a giudizio?

Ma ecco che accade la sorpresa (si fa per dire), e il 17 dicembre la mancata richiesta di giudizio immediato viene, secondo i soliti moduli ormai noti, coperta con una velina che ha letteralmente dell’incredibile.

Esordiamo nella nostra analisi sottolineando che il modus operandi manifestato nella diffusione ad arte di veline, ha seguito un criterio davvero scientifico, anche se non per veridicità: sembra infatti rispondere perfettamente al terzo principio della dinamica (3ª legge di Newton).

La 3ª legge di Newton può essere espressa formalmente così: 

Le forze si presentano sempre a coppie. Se un oggetto A esercita una forza F su un oggetto B, allora l’oggetto B eserciterà sull’oggetto A una forza -F uguale e contraria”

o in termini più correnti:

“Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria”

Dopo questa chicca scientifica possiamo iniziare la nostra puntata.

Non vogliamo illudere i lettori con la vana speranza di un nuovo elemento, e allora diciamo subito che il 17 dicembre, mentre tutto tace sulla mancata richiesta di giudizio immediato, rispunta, a partire dalla Stampa, la solita e sempre più imbarazzante minestra (sur)riscaldata del furgone bianco, per l’occasione con un vestitino seminuovo: i giornali e la TV ci informano di “nuovi filmati” che mostrerebbero “il furgone di Massimo Bossetti per ben un’ora ripreso a circolare nei pressi della palestra di Yara dalla videocamera di sorveglianza di un distributore” e soprattutto, cosa più divertente di tutte, “riconosciuto grazie ad una macchia di ruggine”.

Smentire la notizia è molto semplice: soprassediamo sul “riconoscimento furgoni a mezzo ruggine” (noi, poco avvezze alle nuove diavolerie delle indagini avvenieristiche, eravamo convinte che gli autoveicoli si riconoscessero sulla base della targa), che riportiamo solo al fine di scatenare l’ilarità dei lettori, e limitiamoci ad evidenziare che la notizia non può essere vera per due motivi semplicissimi.
Anzitutto la videocamera del distributore nei pressi della palestra non può mostrare nessun furgone che gira “intorno alla palestra per un’ora”, in quanto per ragioni di privacy tale videocamera “guarda” esclusivamente all’interno dell’area di servizio.
Dunque, a meno che un furgone non sia rimasto per un’ora a far benzina, quella videocamera non può aver ripreso nessun furgone “per un’ora” né tantomeno “circolare vicino alla palestra”.

L’unica cosa che può aver ripreso è uno delle decine e decine di furgoni che ogni giorno, transitando sulla strada principale di Brembate, si fermano a far benzina. In secondo luogo, non c’è nessun “nuovo filmato” né dai filmati non può saltar fuori nulla di nuovo, perché i filmati sono stati acquisiti 4 anni fa (si resettano dopo qualche mese), dunque ciò che mostrano ora è esattamente ciò che mostravano prima, ossia nulla, tanto che proprio l’assenza di qualsivoglia ancoraggio che consentisse un’indagine “tradizionale” ha portato a spendere sette milioni di euro, riesumare morti, prelevare campioni di DNA alla cieca per anni.

Pensate che le fandonie siano finite qui?
Magari!

Il Giornale ha voluto strafare pubblicando “le foto” (in realtà una sola) che “inchiodano Bossetti” mostrando il suo furgone a Brembate per 50 minuti prima della scomparsa di Yara.
Così, perlomeno, in data 17 dicembre, leggevamo sulla pagina facebook del Giornale.

mgb Alla ricerca di emozioni forti, aprivamo l’articolo, e lì scoprivamo, finalmente, la foto “che inchioda Bossetti” mostrando il suo furgone a Brembate nei 50 minuti precedenti alla scomparsa di Yara.
Eccola:

foto-furgone Non è uno scherzo, secondo Il Giornale questa foto mostra il furgone di Bossetti a Brembate in un orario compreso tra le 18 e le 18,55 circa, in data 26 novembre: è noto a tutti, infatti, che in quell’orario e in quel periodo dell’anno sia pieno giorno!

In realtà, come può essere verificato tranquillamente, c’è solo una cosa vera in quanto scritto: il furgone della foto appartiene a Massimo Bossetti.
L’immagine non risale, ovviamente, al 26 novembre di quattro anni fa, ma a pochissimo tempo prima del fermo, e non è ripresa da una videocamera vicina alla palestra: è un’immagine di google maps mostrante il furgone di Bossetti, nell’anno 2014, parcheggiato accanto all’abitazione del fratello, a Brembate.
L’immagine non è in alcun modo utile all’accusa, anzi tende ad essere utile alla difesa, in quanto mostra chiaramente che ben dopo la scomparsa di Yara il sig. Bossetti era solito passare per Brembate.

Non dobbiamo neppure sorprenderci, in quanto appare ormai chiaro che la trattazione mediatica della cronaca nera è ridotta a poco più che ad una squallida barzelletta.

Tra faide familiari, parenti serpenti, cani cercati (e di questo siamo felici pur dissociandoci dal modus operandi dell’associazione AIDAA e del suo presidente), supertestimoni passati da Medjugorje, immagini piangenti, inversioni di tendenza e, finalmente, cani ritrovati, nulla di strano che trovi spazio anche un furgone uscito direttamente dalla prima, storica serie del 1984 nota in Italia come Transformers.

Tale furgone, oltre a cambiare colore, catarifrangenti, serbatoio e forma dei fari ha evidentemente anche la facoltà di autoigienizzarsi e sterilizzarsi da solo.

Per capirci meglio, in data 9 gennaio Tiziana Maiolo ha pubblicato un interessante articolo su Il Garantista, che dato voce ad una serie di crescenti preoccupazioni e perplessità sul caso Bossetti, evidenziando il fatto che, ad onta del gran parlare di furgoni, sul furgone di Massimo Bossetti, pure rivoltato come un calzino, non si è trovata neppure una minuscola traccia di Yara.

Ci permettiamo dunque di riproporre la domanda della Maiolo: “I dati di fatto ci dicono che né sull’auto né sul furgone di Bossetti sono state trovate tracce di Yara. Quindi, se il muratore è colui che l’ha rapita, l’ha portata via a piedi o in canna a una bicicletta?”

Ora ci chiediamo: “cui prodest” tutto ciò? A chi può arrecare beneficio questo caos di informazioni distorte? I media esercitano un potere non indifferente sulle masse, e purtroppo anche sull’animus dei giudici.

Allora viene da pensare e da dire, senza timore di sorta, che non può ridursi tutto al bilancio delle vendite di materassi e impianti doccia che nel giro di qualche giorno torneranno a prezzo pieno; c’è sotto qualcosa di più grosso.

Certo è che la cronaca nera è calamita di attenzione morbosa da parte del grande pubblico e quindi fonte di grossi guadagni ma è altrettanto vero che, specialmente nei casi che non si risolvono con una confessione o con una pistola fumante tra le mani, diventa un grosso aiuto affinché le forze dell’ordine e gli inquirenti arrivino all’agognato epilogo.
E non ci sarebbe alcunché di sbagliato se il giornalismo si limitasse a narrare i fatti avvenuti senza prendere posizioni e evitasse di pontificare.
Ma purtroppo non è così. Si assiste ogni giorno ad un uso scorretto della professione (per chi è della professione aggiungo) che diviene abuso e noi, poveri don Chisciotte, ci ritroviamo inevitabilmente a portare avanti la nostra battaglia contro i mulini a vento.

Tra l’altro, come ben spiegato nel già citato e apprezzatissimo articolo di Tiziana Maiolo, le pressioni subite da Massimo Bossetti sono quanto di più indicativo possa esserci dell’assenza di prove a suo carico.

Ne riportiamo, a beneficio dei lettori, i punti salienti, che spiegano in modo davvero magistrale i motivi che ci spingono, da mesi, a ritenere questa situazione e l’intera vicenda inaccettabile:

“Alla fine lo dice anche lui: “Dal 16 giugno, il giorno del mio arresto, le hanno provate tutte per farmi confessare. Speravano che prima o poi sarei crollato… Ho ricevuto pressioni fortissime, hanno cercato di convincermi in ogni modo a confessare, hanno provato a allettarmi con il conto degli anni…”.
Lo dice anche lui, per la prima volta, Massimo Bossetti, indagato per l’omicidio di Yara Gambirasio, in un’intervista a Repubblica.
Non è un processo per fatti di mafia, il suo, né per terrorismo.
Pure, manca solo l’applicazione dell’articolo 41 bis dell’ordinamento penitenziario e il trattamento sarebbe completo. In lingua italiana si chiama “tortura”.
L’isolamento per 134 giorni, sei mesi di custodia cautelare, la gogna mediatica con la diffusione di notizia pruriginose sulla sua vita personale, su quella di sua moglie e quella di sua madre, le minacce e le violenze subite da lui e dai suoi familiari.
E la pressione continua, insistente, soffocante, perché confessi, alla faccia della presunzione di non colpevolezza prevista dalla Costituzione.
Lui resiste come solo gli innocenti sanno fare, a meno che non siano terroristi o mafiosi. (…) Nella data dell’anniversario della scomparsa di Yara, alla fine di novembre, il pubblico ministero aveva organizzato una grande parata trionfale, presentandosi all’interrogatorio dell’indagato con un corteo di accompagnatori gallonati (…)
E’ vero, c’è la coincidenza del DNA, ma non è una prova dell’omicidio, al massimo può comportare il fatto che ci sia stato un contatto (diretto o indiretto) tra l’indiziato e la vittima. Oltretutto, se non sarà possibile, per mancanza di materiale genetico, ripetere l’esame con la presenza dei periti della difesa, al dibattimento questo indizio sarà molto indebolito.
Ma soprattutto, vien da chiedersi, se gli inquirenti ritengono che quella del dna sia una prova solida, perché non andare al processo con il rito immediato? Perché insistono tanto sulla confessione se ritengono di avere ben altre frecce nel proprio arco? (…)
La situazione pare destinata ad un inquietante immobilismo.
Il mito fideistico della prova scientifica non ha trovato finora altro supporto probatorio.
La vita del carpentiere quarantenne è stata, come lui stesso ricorda nell’intervista, radiografata in ogni suo lato: non è stato trovato nulla, né prima né dopo la morte di Yara, che possa gettare ombre sui suoi comportamenti. Massimo Bossetti non è un pedofilo, non ci sono tracce di violenza sessuale sul corpo della ragazzina, non c’è movente plausibile per quell’omicidio (…).
E allora? Fatevi una bella autocritica, cari magistrati inquirenti con annesse forze dell’ordine che tanti errori hanno fatto nelle indagini fin dal primo giorno, quel 26 novembre del 2010, quando Yara sparì e non si sapeva neppure se fosse viva o morta. Fate l’autocritica e cominciate con lo scarcerare Massimo Bossetti, invece di torturarlo per un’improbabile confessione. Il 25 febbraio ci sarà la discussione in cassazione, dove i giudici, dopo i dinieghi del gip e del tribunale del riesame, dovranno decidere sulla richiesta di scarcerazione presentata dal legali di Bossetti.
Ci sarà un giudice a Berlino? A noi basterebbe un giudice Corrado Carnevale ad applicare la legge.”

In attesa del nostro giudice a Berlino, comunque, portiamo avanti la nostra trattazione e vediamo un altro interessante caso di applicazione della terza legge di Newton.

Qualche tempo fa, il pool difensivo del sig. Massimo Bossetti, ha fatto sapere di star seguendo una pista alternativa.
Per una trattazione più puntuale dell’argomento, vi rimandiamo all’articolo C’è una testimone che scagiona Bossetti, pubblicato su Il Garantista e ripreso in questo blog: ai fini del nostro articolo, ci limitiamo a riassumere brevemente la vicenda.
Il pool difensivo ha rintracciato una donna (che, ci teniamo a sottolineare, non spunta dal nulla dopo quattro anni, ma già anni fa raccontò la vicenda) che anni fa aveva conosciuto un giovane operaio romeno in cerca di alloggio.
Questo operaio le raccontò di una ragazza, della quale si diceva innamorato, chiamata Yara. La donna, incuriosita dal nome, le chiese se si trattasse di una ragazza straniera, e lui rispose che no, era una ragazza minorenne della provincia di Bergamo, una ginnasta.

Il 26 novembre, giorno della scomparsa di Yara, il giovane operaio chiamò la signora, chiedendole se poteva andare da lei a fare la doccia perché in partenza per la Romania. Il giorno dopo chiamò la signora per dire di essere arrivato, ma la chiamata apparve brusca e frettolosa, tanto che la donna, stupita, provò a richiamarlo, trovando per tutta risposta una segreteria estera.
Tale testimonianza, come chiaro a chiunque legga integralmente l’articolo sopra citato, potrebbe essere dotata di fondamento, ma la Procura di Bergamo, innamorata della sua tesi, evidentemente conduce un’indagine a senso unico.
Ecco, infatti, cosa ha dichiarato a Sky l’Avv. Claudio Salvagni: “La Procura non ci è venuta incontro: avevamo chiesto un elenco di telefoni per vedere se questa persona fosse passata di lì ma ci è stato negato. Ricordo a tutti che il pm deve cercare anche gli elementi a favore dell’indagato.”

Bisogna a questo punto aggiungere una cosa: poco male se la Procura si limitasse a non cercare eventuali elementi a favore dell’indagato, il punto è che anche in questa occasione, dopo la diffusione della notizia sui giornali, si è attivato il solito meccanismo della “legge di Newton”: ebbene, a noi piacerebbe che la Procura smettesse di trincerarsi dietro uno squallido gossip e rendesse conto al Paese intero di cosa ha fatto e non fatto per quattro anni e di cosa sta facendo ora.
Ecco, infatti, che arriva la contromossa.

Notizia shock, titolano giornali e giornaletti, una supertestimone “spunta” e dopo quattro anni ricorda di aver visto Yara e Bossetti in auto nei pressi della palestra.
Peccato che le cose non stiano così: una donna, dopo quattro anni e mesi dopo lo stesso fermo di Bossetti, senza mai aver fatto prima una sola parola del fatto, sostiene di aver visto in un’auto un uomo biondo (che non ha alcuna certezza sia Bossetti) e una ragazza (che non ha alcuna certezza sia Yara).
Il sospetto di trovarsi di fronte ad una barzelletta di cattivo gusto è d’obbligo, e lo stigma va, in parti uguali, a chi ha dato in pasto ai media una simile “notizia” e a chi, cosciente del suo valore pari a zero, non solo l’ha pubblicata, ma l’ha altresì distorta incollandola all’indagato.

Per riassumere lo squallore della vicenda, ci permettiamo di inserire un ottimo commento, che condividiamo appieno, scritto su facebook da un amico, l’avvocato Arles Calabrò: “Alle tue riflessioni vorrei aggiungere un mio pensiero. Potrei farlo in modo diplomatico, moderatamente, come si addice a tutte le persone sagge (forse un po’ bugiarde), ma in realtà lo voglio esprimere in tutta sincerità , perché spesso, a mio avviso, il confine tra diplomazia e ipocrisia è davvero labile e non si può sempre far finta di nulla, essere falsi, moderati, diplomatici (soprattutto quando si parla della morte di una ragazza, della libertà di una persona forse innocente e della vita di intere famiglie: c’è un limite alla diplomazia e c’è anche un limite al disinteresse verso certe dinamiche.) Ovviamente anche questa testimonianza, come tu hai ben evidenziato, altro non è che una grande bufala (una delle tantissime) che ci hanno propinato per raggiungere un duplice obiettivo: chi ha diffuso la notizia cerca in tutti i modi possibili – anche con questo giochetto- di influenzare l’opinione pubblica (e i giudici) della colpevolezza di Bossetti, mentre chi l’ha resa pubblica, oltre a questo obiettivo, ha anche quello di fare quanto più audience possibile, o di vendere qualche copia in più. Ovviamente tutti coloro che l’hanno diffusa e tutti coloro che l’hanno resa pubblica sanno benissimo che si tratta di una notizia vera, ma palesemente gonfiata ad arte, visibilmente tendenziosa, che, per giunta, offende anche l’intelligenza di chi guarda certi programmi o di chi legge certi giornali. Un esempio per capirci meglio (si usa dire così, ma già so che noi ci capiamo benissimo). Anche nel caso della povera Elena Ceste si registrarono DECINE e DECINE di “testimonianze” di persone pronte a giurare di aver visto la povera donna in giro per l’Italia, (e nel mondo, addirittura), queste persone erano sicurissime e alcune di queste “testimonianze” furono riportate pedissequamente dai media, anche per intere settimane. Tantissimi programmi televisivi all’epoca camparono propinandoci a raffica queste notizie. Ovviamente tutti sapevano e sanno che si tratta di persone influenzate dai media, suggestionate, le quali, magari anche in buona fede, credono di vedere persone o cose che in realtà non si trovavano lì in quel momento. Per ogni caso mediatico di queste “testimonianze” ce ne sono DECINE E DECINE. Questo lo sanno benissimo coloro i quali diffondono la notizia ma lo sanno benissimo anche coloro i quali la pubblicizzano. Ma conviene loro far finta di niente e farle passare come “notizie bomba”, “novità clamorose”. Ieri un famoso programma televisivo intitolava: “clamorosa testimonianza”, “testimonianza choc di una donna che ha visto Yara e Bossetti parlare in macchina”. Ovviamente la signora in questione non ha alcuna certezza – e lo ha detto- che quelle due persone fossero realmente Yara e Bossetti, ma per i nostri giornalisti e per chi l’ha diffusa la notizia è “clamorosa”, “choc,” “bomba”. Con questo non voglio dire che tali testimonianze non vadano acquisite da chi di dovere (ogni strada va tentata, ci mancherebbe) ma voglio solo sottolineare la malafede di taluni e lo squallore che ormai inonda i nostri schermi. Le tragedie si trasformano in business (di ascolti e di copie vendute) e la forte sinergia tra taluni (quelli che diffondono le notizie) e talaltri (quelle che le pubblicizzano) è talmente forte che diventa quasi impossibile per i collegi difensivi replicare a cotante fandonie, idiozie, falsità, bugie e nefandezze. Un altro esempio. Poco tempo fa, come tu sai benissimo, sempre sullo stesso caso, molte testate giornalistiche intitolavano: “Incontrai Bossetti al cimitero, mi chiese se era bella la mia sorellina”. (testate nazionali, sia ben chiaro). Anche qui, l’obiettivo di chi diffuse la notizia e di chi poi la pubblicizzò era sempre lo stesso: chi l’ha diffusa voleva convincere il popolo (e i giudici popolari e togati) che Bossetti sia un pedofilo (o comunque uno a cui piacciono le bambine), mentre chi l’ha pubblicata aveva lo stesso obiettivo a cui si univa anche lo scopo di vendere quante più copie possibili. Ovviamente, anche in questo caso, la notizia era palesemente tendenziosa: la sorellina in questione aveva oltre quaranta anni e Bossetti si era limitato a fare un complimento alla signora, chiedendole, appunto, se la di lei sorella fosse affascinante come la sua interlocutrice. Un ultimo esempio. Dopo la notizia vera e di assoluta rilevanza relativa alla mancanza di tracce di Yara sul furgone, sugli oggetti, nell’auto ecc, con una puntualità davvero imbarazzante, dall’altra parte, ci hanno propinato un’altra notizia palesemente gonfiata e tendenziosa. Bossetti si sarebbe aggirato per 50 minuti con il suo furgone nei pressi della palestra di Yara proprio nell’orario in cui Yara sparì. Questa è un’altra notizia-immondizia. Non vi è alcun bisogno di aspettare il dibattimento, per verificarne la veridicità: palle di questo genere vanno immediatamente cestinate, respinte subito al mittente, perché hanno sempre e quell’unico obiettivo di cui sopra. In quella via, quel giorno, come ogni giorno, passarono centinaia di furgoni. E (e sottolineo se) anche Bossetti passò di là, passò unicamente per tornare a casa, quindi una sola volta (come faceva tantissime volte tornando dal lavoro). Questa ulteriore balla va smentita subito (e lo si è fatto), perché se lo si fa dopo è troppo tardi. E’ evidente che si tratta di notizie false e tendenziose tese a ingenerare nell’opinione pubblica (e nei giudici) la convinzione che quell’uomo sia colpevole. Le immagini di quelle telecamere sono in possesso degli inquirenti da ben 4 anni, quindi è davvero squallido che taluni (con una puntualità impressionante, cioè subito dopo le risultanze di cui sopra) ce le propinino dopo tutto questo tempo facendole passare come delle verità assolute quando anche il più ingenuo di tutti gli ingenui sa benissimo che identificare con precisione il furgone di Bossetti per 50 minuti nei pressi della palestra è praticamente impossibile. Potrei andare avanti all’infinito con questi esempi per sottolineare lo squallore che connota tutti (nessuno escluso) i processi mediatici: con il caso Bossetti, poi, a mio avviso, abbiamo davvero raggiunto la vetta assoluta. Ma tutti questi aspetti, tu già li conosci e anche meglio di me. Purtroppo le autorità che dovrebbero controllare (privacy, minori, comunicazioni) stentano molto ad intervenire e anche la stragrandissima maggioranza degli addetti ai lavori (avvocati, magistrati, criminologi ecc) si fanno appassionatamente i fatti loro, perché nessuno osa toccare questi due poteri fortissimi. Molto hanno paura, tanti altri sono servili e si inzittiscono per convenienza (le riflessioni, sul punto, sono sempre molto diplomatiche, moderate e, quindi, false). Il risultato? Il risultato è che la verità storica viene completamente stravolta da una veritià mediatica costellata da finti scoop, notizie palesemente false, gonfiate e tendenziose, tese unicamente a mostrificare la figura dell’indagato e ad ingenerare nell’opinione pubblica (e nei giudici) la convinzione che quello stesso soggetto sia davvero colpevole (ovviamente in mancanza assoluta di prove, perché laddove le prove ci fossero davvero non vi sarebbe alcuna necessità di avvalersi di questi squallidi giochetti).”

Crediamo che sul punto non siano necessari ulteriori commenti, oltre al sentito consiglio ai nostri lettori di farsi prescrivere dal proprio medico curante un buon antiemetico da assumere prima della lettura di alcuni giornali o la visione di alcune trasmissioni.

bc (1)


Vorremmo però sottolineare un altro aspetto che si lega al suddetto meccanismo e che porta, appunto, alla sostanziale distorsione delle notizie originarie nel momento in cui rimbalzano da una fonte giornalistica all’altra.
Che non esistano più i giornalisti di una volta, autenticamente mossi da spirito critico e desiderio di informare, lo abbiamo detto tante volte: non esiste più, con buona pace di Hayek, neppure la concorrenza nel mondo del giornalismo.

Lo scopo di quanti si occupano di cronaca giudiziaria, ed in particolare di cronaca nera, infatti, non è quello di fare informazione, ma di restare nella cricca dei cronisti ammessi alla “indiscrezioni” degli inquirenti, vere o false che siano.

Così, accade che i giornali riportino tutti la stessa velina preconfezionata, spesso senza verificarne la veridicità, parandosi il sederino a vicenda, in quanto se qualcuno scegliesse, sciaguratamente, di allontanarsi per un attimo dalle sottane delle Procure, resterebbe privo della “notizia shock” (o la bufala shock) quotidiana con la quale compiacere i magistrati e solleticare la pruderie del popolino.
A titolo d’esempio, ci limitiamo a citare un caso relativo alla vicenda.

In data 22 settembre, La Repubblica, violando il segreto istruttorio e la privacy di un’intera famiglia, pubblicò stralci dell’interrogatorio a Massimo Bossetti.

In questo interrogatorio al sig. Bossetti (che nell’interrogatorio successivo, comprendendo l’andazzo, ha pensato bene di avvalersi della facoltà di non rispondere: ne approfittiamo per fargli i nostri più sentiti complimenti, dal momento che la sua buona fede è sempre stata travisata ed anzi ritorta contro di lui, come ben evidenziato nell’articolo Lo strano caso del muratore che acquistava materiali edili) vennero rivolte domande relative alla vita familiare, nonché alla vita sessuale con la moglie: uno squallore mediatico così eclatante che intervenne al Garante della Privacy imponendo il blocco alla divulgazione dell’articolo e redarguendo la stessa Procura di Bergamo.
Inutile dire che l’appello cadde nel vuoto.

Comunque, in questi stralci c’era anche un’altra domanda, eccola:

PM: come mai, Bossetti, ha avuto paura quando l’hanno portato in carcere?

Sull’acume della domanda evitiamo di commentare …”che è meglio”, direbbe qualcuno, ma la cosa incredibile è un’altra.
Dopo qualche giorno, questa domanda viene manipolata così tanto dai media fino a trasformarsi nella notizia-bufala secondo la quale Bossetti, impaurito, avrebbe cercato di scappare vedendo la polizia.
Smentire la notizia è semplicissimo: basta leggere l’ordinanza di non convalida del fermo. Non a caso il fermo non è stato convalidato, non sussistendo alcun pericolo di fuga giacché l’indagato non ha mai dato segno di voler fuggire.

ord.maccora ord.maccora1 Ma chi va a leggere l’ordinanza del GIP, e soprattutto a mettere in discussione i taglia e cuci di giornali e salottini? Nessuno.

Ed è così che dell’informazione non resta che una tomba.

Segnaliamo questo esempio anche per mostrare quanto i media abusino delle scarse conoscenze tecniche e settoriali, in questo caso giuridiche, della maggior parte dell’opinione pubblica (che non sa quali siano i presupposti richiesti per la convalida del fermo) per propinarle scientemente una marea di fandonie.

Per quanto riguarda un ultimo aspetto relativo alla questione della testimone della difesa e alla “legge di Newton” in azione, vorremmo anche sottolineare l’aplomb con il quale pare presentarsi la malattia del secolo: l’ipocrisia.
In un noto salottino televisivo, infatti, ecco che il conduttore afferma, con  palese tono di disapprovazione e un’espressione di disgusto, in opposizione alle dichiarazioni del dott. Denti che illustra la pista seguita nel corso di indagini difensive durante le quali sarebbe emersa l’esistenza di un uomo intenzionato a prendere in affitto un appartamento per sé e per la sua ragazza (una minore di nome Yara a suo dire), che a lui importa relativamente poco di Bossetti (e su questo non avevamo dubbi), poiché gli preme maggiormente non infangare la memoria di una ragazzina che non va “bollata” come una che poteva aver allacciato una relazione sentimentale alla luce della sua giovane età.

Respiro.

C’è mancato poco che, come un professore di matematica isterico, cacciasse Denti dall’aula.

Ora, qui nessuno ha dimenticato che una ragazzina che si affacciava alla vita è stata strappata agli affetti e nessuno vorrebbe mai che un assassino o comunque un molestatore restasse a piede libero.
Detto questo non capiamo l’ipocrisia, a senso unico peraltro, sia del conduttore che di altri commentatori-vendicatori-giustizieri del web, nel sostenere l’impossibilità assoluta di una storia d’amore giovanile che coinvolga un’adolescente laddove “lui” sia l’anonimo affittuario, mentre vige una necessaria e di comodo accettazione dello stesso medesimo fatto se questo si configura tra la stessa ed il Bossetti.

Agli occhi di una persona imparziale e dotata di onestà intellettuale in ognuna delle due ipotesi non si configura un comportamento immorale da parte della bambina in quanto tale, bensì da parte di qualsiasi adulto che intraprenda una relazione con una giovane donna non intellettivamente matura per vivere una situazione del genere.
Quindi questa ostentata moralità non è altro che ipocrisia vestita da buonismo da quattro soldi.

Ma vale la pena di soffermarsi anche su un altro paio di osservazioni.
La prima è che basterebbe essere un po’ meno ipocriti per notare come né la testimone della difesa, né gli appartenenti al pool difensivo, abbiano mai detto di essere a conoscenza di una relazione di Yara.
In effetti non c’è alcuna prova del fatto che Yara frequentasse qualcuno, né la testimonianza prospettata dalla difesa dice questo: la signora sostiene che il giovane operaio romeno dicesse, magari millantasse, di stare con una ginnasta di nome Yara, cosa diversa del fatto effettivo che stessero insieme.

Infatti, se quanto dichiarato dalla testimone fosse vero, chi ci dice che il giovane frequentasse davvero Yara e non fosse, piuttosto, qualcuno che ne era invaghito e profondamente ossessionato?

Anche un quadro di questo tipo sarebbe pienamente compatibile con la testimonianza della donna e anche altrettanto interessante ai fini investigativi.

Inoltre, mentre non si capisce cosa ci sia di offensivo nell’eventualità che ad una ragazza adolescente possa battere il cuore per un ragazzo comunque giovane, di qualche anno in più, cosa capitata a tutti nell’adolescenza, ben più strano è certamente sostenere che una ragazzina frequentasse un quarantenne sposato e con prole, cosa per giunta impossibile in piccoli paesini senza che la cosa finisca rapidamente sulla bocca di tutti.

Abbandoniamo ora media e ipocrisia e inauguriamo la seconda parte della nostra puntata. Il DNA mitocondriale di Ignoto1 non è di Massimo Bossetti: non lo diciamo noi, né lo dice una perizia di parte.

Sta scritto, nero su bianco, sull’ultima relazione depositata dal consulente dell’accusa, Dott. Carlo Previderè.

In realtà la relazione dice anche altre cose molto importanti: anzitutto mette definitivamente la parola fine sulla questione dei reperti piliferi.
Nessuno di questi, infatti, appartiene a Bossetti (anche se due appartengono alla stessa persona, non identificata, cosa che evidentemente alla Procura di Bergamo pare di poco conto).

Non solo: si è anche stabilito che è la parte minoritaria della traccia mista (Yara+Ignoto1) ad appartenere ad Ignoto1 e non, come erroneamente scritto fino ad ora, quella maggioritaria: prendiamo dunque atto di aver sempre avuto ragione nel sostenere che la traccia fosse esigua, e suggeriamo a chi, tra una foto e l’altra della piccola Yara in copertina oscenamente modificata con photoshop, titolava “Bossetti perse tanto sangue” (sic), di rinunciare alla cronaca nera, onde evitare di danneggiare persone e cose, e di tornare ad occuparsi di “tartarughe sexy” e slacciamento di reggiseni su For Men Magazine.

Tornando a noi, dalla relazione si scopre anche che il dna di Ignoto1 è terminato: nessuna possibilità di ripetere il test in contraddittorio, e sappiamo bene che l’estrazione fu compiuta illegittimamente, in assenza delle parti, ossia in violazione di quanto prescritto dal nostro codice di procedura penale.

Ma non è solo la traccia a non esistere più, perché il fatto clamoroso è che anche Ignoto1 non esiste.

Non esiste ora, e probabilmente non esiste da anni.

Il DNA mitocondriale, infatti, non è di Massimo Bossetti.

L’arrampicata sugli specchi di Procura e giornalisti, nel momento in cui scriviamo, è già cominciata.
Sostengono che sia sufficiente la corrispondenza sul DNA nucleare, che il DNA mitocondriale di Bossetti sia “sparito” perché coperto da quello di Yara.

Le cose non stanno così, e non stanno così per motivi ben precisi.
Il punto è che nella relazione non c’è scritto che  il DNA mitocondriale nella traccia denominata Ignoto1, non c’è: il DNA mitocondriale c’è, ed è anche del tutto “leggibile”.

Ha solo un problema: non è di Massimo Bossetti.

In natura, ovviamente, è impossibile che una medesima cellula abbia il DNA nucleare di un soggetto e il DNA mitocondriale di un altro: e allora cosa succede, fino a ieri la scienza non mentiva, ed oggi è diventata un optional?

Pur di non ammettere l’errore s’agitano e si dimenano, arrivando a sostenere che a causa delle intemperie un campione può degradarsi, ma ovviamente solo per quanto riguarda il dna mitocondriale, dimenticando che la cosa non risolve il problema, perché anche se a causa della degradazione un DNA mitocondriale può “sparire” di certo non può materializzarsene un altro, e dimenticando, per giunta del fatto che il dna mitocondriale si degrada molto meno rispetto a quello nucleare, in quanto protetto da una doppia membrana: una caratteristica, questa, che fa sì che si riveli utilissimo, in ambito forense, proprio in caso di campioni degradati.

Leggiamo ad esempio sul sito dell’Università di Tor Vergata, e proprio a firma del Prof. Emiliano Giardina, consulente della Procura, che:

“Per le sue proprietà biologiche il DNA mitocondriale rappresenta uno strumento importante per le applicazioni forensi. Consideriamo innanzitutto le caratteristiche morfologico-strutturali. In particolare, la doppia membrana del mitocondrio protegge efficacemente il DNA da rotture e danni indotti dagli stress ambientali. In aggiunta, la natura circolare del DNA garantisce una minore suscettibilità alle esonucleasi (enzimi che tagliano il DNA), permettendo alla molecola di DNA mitocondriale di conservarsi meglio nel corso del tempo. A tutto ciò si aggiunga il notevole vantaggio di poter disporre di un numero di genomi mitocondriali per cellula enormemente maggiore rispetto al DNA nucleare, aumentando le possibilità di successo della tipizzazione. Il mtDNA è spesso usato nei casi in cui il materiale biologico è degradato o disponibile in limitata quantità. ”
figura 1 Più chiaro di così: interessante come anche la scienza sembri piegarsi ad altro genere di interessi, modificando volta a volta le proprie regole secondo la convenienza.

E’ bene anche sottolineare, per chi dice che il DNA nucleare ha “maggiore potenziale identificativo”, che la cosa non è data dalla sua maggiore affidabilità intrinseca, ma solo dal fatto che è diverso in ogni soggetto, derivando sia dal ceppo materno sia da quello paterno, mentre il DNA mitocondriale è ereditato unicamente dalla madre e per giunta è uguale, ad esempio, tra madre e figli e tra fratelli.
Ma la cosa non ha, in questo caso, nessuna rilevanza: il problema infatti non è che il dna mitocondriale può essere di Bossetti o di persona a lui imparentata nel ceppo matrilineare, il problema è che il dna mitocondriale di Ignoto1 non è di Massimo Bossetti.

Se i processi italiani proseguiranno sulla strada della tecnicizzazione esasperata, a breve potremmo annoverare casi giudiziari con aneddoti migliori di quelli statunitensi, in cui sono celebri i casi di esperti di settore tecnico-scientifico che nelle aule dei Tribunali finiscono per dire l’esatto opposto secondo che, per l’occasione, siano consulenti dell’accusa o della difesa.

Ma è bene rimarcare che queste disquisizioni sono del tutto inutili.

E’ evidente che se cellule con la caratteristica di DNA nucleare e mitocondriale diversi non esistono in natura, semplicemente la traccia di “Ignoto1” non poteva essere, ab origine, come è oggi, dunque può ormai trovare spazio solo in un’ipotetica barzelletta sui carabinieri, non certo in un’aula di Tribunale.

Non si tratta del DNA di un soggetto, né di due DNA misti, ma di un DNA impossibile: se un DNA con tali caratteristiche non esiste in natura, non può che essere esito di un intervento umano (di matrice dolosa e colposa che sia, ai fini di quanto rileva oggi in questa sede non ha importanza).

E quale sia questo intervento umano, per giunta, non potremmo mai stabilirlo essendo terminati i campioni.

“Ignoto1” non è un DNA naturale, è un pastiche di laboratorio, esito di contaminazione o d’altro scenario, e nulla significa il fatto che il DNA nucleare continui a coincidere con quello del signor Bossetti, perché quel dna nel suo complesso, in origine e in natura, non poteva e non può essere così, dunque non sappiamo cosa ci fosse e di chi fosse la traccia originariamente presente sugli abiti della piccola Yara, né lo sapremo mai essendo terminato il materiale.

Certo sarebbe stato bello, in un’Italietta in cui nessuno ammette mai i propri errori, se fosse stata la stessa Procura di Bergamo (che ora sostiene l’impossibile e pensa di portare a dibattimento “mezzo DNA” inesistente in natura e acquisito in violazione delle garanzie procedurali) dinnanzi ad un’evidenza tanto eclatante, a disporre, non prima di avergli posto le dovute scuse, l’immediata scarcerazione di Massimo Bossetti.
La cosa avrebbe contribuito forse anche a dare, una volta tanto, il buon esempio ai cittadini italiani, da parte di chi dovrebbe essere preposto alla tutela del rispetto delle regole.

Ci sia consentito, a questo punto, di portare le nostre osservazioni alle estreme conseguenze, e di interpretare la reticenza ad ammettere un errore laddove è la scienza a metterlo nero su bianco come indice di consapevolezza, da parte di qualcuno, di essere ormai disposto a tutto pur di salvare la faccia.

Così, dopo la miracolosa transustanziazione di indizi in prove e di fandonie in indizi, siamo forse giunti al punto in cui si dovrà trasformare un DNA impossibile in natura in un DNA credibile.
Non possiamo allora che suggerire una consulenza del Divino Otelma, Primo Teurgo della Chiesa dei Viventi e Gran Maestro dell’Ordine Teurgico di Elios.

mago-otelma-2- Alla difesa suggeriamo invece, ben più seriamente, di valutare la possibilità che la non coincidenza del DNA mitocondriale fosse già nota a qualcuno e sia stata scientemente omessa per sette mesi, cosa che tra l’altro spiegherebbe, in buona misura, anche accanimento e torture psicologiche finalizzate ad ottenere dal signor Bossetti una confessione (di ciò che non ha fatto).
Il nostro suggerimento non è legato ad antipatia o semplice diffidenza nei confronti della Procura, ma ad una considerazione ben più tecnica, che riportiamo anche per i lettori. Sappiamo tutti che il DNA mitocondriale viene normalmente usato al fine di effettuare i test di maternità: infatti, il dna mitocondriale si eredita dalla madre ed è del tutto identico tra madre e figli.

Dall’ordinanza sembra però ricavarsi che il rapporto di maternità tra la signora Ester Arzuffi e “Ignoto1” non è stato effettuato, come da prassi consolidata, attraverso la corrispondenza del dna mitocondriale, ma attraverso il DNA nucleare (si parla, infatti, di marcatori autosomici e alleli). comparazione_Arzuffi_Ignoto1 Sarebbe davvero interessante scoprire se si tratta di una, per quanto strana e ironica, coincidenza, o se, consapevoli della non coincidenza mitocondriale, si sia ripiegato sul DNA nucleare omettendo la circostanza nella speranza che nessuno facesse verifiche più approfondite.

Posto che il DNA del soggetto noto (perdonate il gioco di parole) come “Ignoto1”, per quanto ci si ostini ad arrampicarsi sugli specchi, è semplicemente impossibile in natura, crediamo dal canto nostro che sia giunto il momento, per qualcuno, di ammettere l’errore.

Ovviamente, andare in dibattimento con simili risultanze significherebbe solo protrarre nel tempo una pagliacciata, per giunta in modo pericoloso per la libertà di un cittadino innocente.

L’articolo 3 della nostra Costituzione, nel sancire il principio fondamentale della dignità umana porta come corollario il principio secondo il quale l’individuo non possa e non debba mai essere ridotto a mezzo per il raggiungimento di fini esterni alla sua persona: sono stati spesi milioni di euro nella spasmodica ricerca, durata anni, di un sospettato sostanzialmente mai esistito.

Noi crediamo che gli errori siano abbastanza, e che non sia necessario salvare la faccia sacrificando un capro espiatorio.

Ci permettiamo di concludere il nostro articolo rivolgendo la nostra solidarietà e le nostre parole a Massimo Bossetti, nella speranza che il buon senso di qualcuno trovi al più presto la strada di casa e torni presto ad essere un uomo libero.

Caro Massimo, questo nostro articolo oggi è scritto con la consapevolezza di saperti dietro le sbarre, stremato, stanco e forse sulla via della rassegnazione, che per fortuna, cerchi di non intraprendere per la tua famiglia e, speriamo, per noi che crediamo, ormai a ragione, che tu non sia colpevole, ma vittima di un grosso errore.

Un uomo che ha fatto sempre parlare di sé, molto tempo fa, ha scritto un libercolo dal titolo “La storia mi assolverà”, nel quale esponeva le sue idee e i motivi per cui un giorno sarebbe stato “assolto” da tutte le accuse che gli venivano rivolte.

Dedichiamo a te questo titolo oggi.

E nel dedicartelo comprendiamo, oggi più che mai, che i più pericolosi, come ben mostra la Storia, sono sempre stati i “dotti” che si nascondevano dietro alla “massa”, per giustificare le loro “oculate” nefandezze. Illustri professori, giornalisti quotati, esimi uomini di scienza che, forse, dentro di sé pensavano che ci fosse sempre bisogno di un capro espiatorio, un qualcuno per qualche motivo alto che si sacrifichi per qualche sorta di “bene” astratto.
Queste credenze medievali, per cui esistono ancora potenti convinti di virare il destino dei più deboli, a nostro avviso, possono elegantemente andare a farsi fottere.

Ora dobbiamo occuparci del dissequestro di un uomo che ha il diritto di uscire di galera e di recuperare una parte della sua vita, rubata e distrutta senza umana pietà.

Riprendendo la tendenza degli ultimi tempi, nel nostro gruppo facebook in tanti abbiamo affermato “Je Suis Bossetti”, parafrasando la frase diventata celebre in segno di solidarietà alla redazione di Charlie Hebdo. jsCi teniamo però a sottolineare che non ci sarà nessuna puntata successiva intitolata “tout est pardonné“: non chiediamo vendetta, ma vorremmo vedere, alla luce delle ultime risultanze, meno arrampicate sugli specchi, e più occhi bassi da parte di chi dovrebbe, per decenza, uscire di scena.

E come a suo tempo propose la nostra amica e collaboratrice Dott.ssa Chiara Rimmaudo, chimica d’esperienza molto attiva nel nostro gruppo facebook e che in tempi non sospetti avanzò l’ipotesi di un “pasticcio di laboratorio”, chiediamo una legge che tuteli gli indagati dall’esecrazione della pubblica piazza, dalla gogna, dal linciaggio morale: chiediamo una legge che sia denominata, esemplarmente, “legge Bossetti”, che tuteli le troppe vittime di una giustizia morta e sepolta da tempo.

Annunci

Sul test del DNA in ambito forense (da Forensic DNA Evidence: The Myth of Infallibility, di William C. Thompson)- Sintesi di Rocco Cerchiara

In questo blog abbiamo parlato più volte degli aspetti legati al valore indiziario/probatorio del DNA nel processo penale.
Avendo personalmente una formazione giuridica, mi sono espressa a più riprese sulla spinosa tematica dei rapporti tra “prova scientifica” e ragionevole dubbio; invece, per quanto riguarda gli aspetti più prettamente tecnico-scientifici della questione, mi è stato giocoforza, ovviamente, citare studi o affermazioni di terzi (è il caso ad esempio delle parole della Dott.ssa Marina Baldi e del Dott. Vincenzo Nigro, citate in precedenti articoli).

A scopo divulgativo, sono felice di poter inserire oggi una interessante sintesi del saggio Forensic DNA Evidence: The Myth of Infallibility, di William C. Thompson (University of California, Irvine – Department of Criminology, Law and Society), che contiene diverse osservazioni interessanti anche al fine di valutare meglio il caso relativo al signor Massimo Bossetti e che ci sarà molto utile, in alcune sue parti, per affrontare meglio la seconda parte del dossier Tra realtà e reality, tra processo giudiziario e processo mediatico, la condanna del nostro secolo avverrà tramite il televoto (prima parte), che vedrà la luce nei prossimi giorni.

La sintesi, a partire dal testo originale in Inglese, che inserisco in calce in formato pdf per gli interessati, è stata fatta da Rocco Cerchiara, iscritto al nostro gruppo facebook, che ringrazio tantissimo per l’impegno profuso ed il risultato.

Con l’auspicio che la divulgazione di questo materiale possa contribuire a sensibilizzare opinione pubblica e media sulla valenza non certo infallibile del DNA (che nel “nostro” caso, come abbiamo visto, ad oggi non sembra confortato da nessun altro elemento che appaia fondato né tantomeno univoco), auguro a tutti buona lettura,

Alessandra Pilloni

DNAsampleJail

La prova forense del DNA- Il mito dell’infallibilità (Prof. William C. Thompson)

Fin dall’inizio i promotori del test del DNA in ambito forense ne hanno dichiarato l’infallibilità, sostenendo che si tratta di test che producono il risultato esatto oppure nessun risultato.
Largamente acclamata come assoluta macchina della verità, pubblicizzata come test dalle infinitamente ridotte probabilità d’errore nelle aule di tribunale, la prova del DNA è stata usata sia per mandare in galera i colpevoli sia per scagionare persone innocenti cancellando ogni dubbio dalle teste dei giurati ormai convinti della sua assoluta autorità nel determinare chi ha fatto cosa.
Questa retorica dell’infallibilità ha giocato un ruolo chiave nel rendere accettabile per la gente la possibilità di banche dati nazionali del DNA: una persona innocente non ha nulla da temere nel farsi inserire nel database, il test del DNA è esatto.
Nel 2009 il Consiglio Nazionale della Ricerca ha rilasciato una relazione in cui afferma di aver trovato varie carenze nelle scienze forensi, gli analisti non si curano di limitare errori procedurali né di non farsi influenzare da pregiudizi…ma il rapporto tende ad escludere il test del DNA da queste critiche eleggendo anzi la genetica forense a scienza da prendere come esempio.
Certo il test del DNA è una prova molto forte, ma solo se ben eseguito nelle giuste condizioni, poiché a dispetto della sua fama, in realtà di errori ne vengono commessi parecchi e anche abbastanza spesso.
Uno dei tormentoni della retorica dell’infallibilità della prova del DNA in ambito forense è l’affermazione secondo la quale il test in sé non comporta possibilità di errore, se mai si verifica un errore si tratta di errore umano, ma la distinzione tra errore umano ed errore intrinseco del test è artificiale e fuorviante in quanto per commettere un errore l’umano deve necessariamente essere coinvolto nelle procedure per la conduzione del test e nell’interpretazione dei risultati.
Per coloro i quali hanno bisogno di stimare la validità della prova del DNA, giudici, giurati e addetti ai lavori, il problema non è tanto incolpare il test in sé o l’essere umano degli eventuali errori quanto stabilire quanto frequentemente gli errori si verificano e quali sono le misure necessarie a minimizzarli.
Il sopracitato report del Consiglio Nazionale della Ricerca è d’accordo col fatto che sia necessario determinare una media statistica degli errori nei test forensi e riconosce che tali errori possono manifestarsi in due modi: “I due campioni potrebbero effettivamente provenire da diversi individui il cui DNA sembra essere la stesso entro la capacità discriminatoria delle prove, o due diversi profili genetici potrebbero erroneamente essere considerati corrispondenti tra loro” e il report dichiara anche che “ entrambe le fonti errore devono essere esplorate e quantificate con lo scopo di giungere ad ottenere una statistica affidabile nell’ambito delle analisi del DNA ”.
Il report del CNR secondo l’autore tuttavia sbaglia nell’asserire che oggi disponiamo di sufficienti prove per accertare la probabilità di falsi positivi e sempre secondo il report uno dei motivi per cui la genetica forense è più affidabile di altre discipline è il fatto che “ le probabilità di falsi positivi sono state esplorate e quantificate in qualche contesto (seppur solo approssimativamente), ma il report non cita alcun dato al riguardo.

  • Tipi di erroreContaminazione dei  campioni biologici raccolti sulla scena del crimine :
    Non è infrequente la contaminazione dei campioni di DNA con materiale genetico proveniente da altri campioni o materiale cellulare del tutto estraneo proveniente, ad esempio, da addetti ai lavori che maneggiano i campioni con scarsa attenzione.
    La contaminazione dei campioni di DNA non di rado porta conseguenze disastrose non ultima la corrispondenza tra due campioni provenienti da persone diverse con conseguente accusa e condanna di innocenti.

    Il Fantasma di Heilbronn:
    La polizia tedesca impiegò innumerevoli ore ed ingenti fondi per dare la caccia e catturare la misteriosa donna il cui DNA era stato ritrovato su innumerevoli reperti sulle scene dei più svariati crimini, dalla rapina all’omicidio.
    Vennero anche offerti 300.000 euro di ricompensa a chi avesse fornito informazioni utili alla cattura di questa terribile minaccia alla società: come poteva viaggiare così rapidamente da un punto all’altro del paese e commettere ogni sorta di crimine senza mai essere presa?
    Semplicemente venne fuori dopo test approfonditi che il DNA proveniente da così tante scene del crimine apparteneva ad un’impiegata della fabbrica che produceva i tamponi di cotone con cui i campioni di materiale biologico venivano raccolti.
    Questo è un caso tra i più eclatanti, ma la contaminazione dei campioni è uno degli errori più frequenti nei laboratori in quanto può essere causato da chiunque maneggi il campione, dal tecnico che raccoglie materiale biologico sulla scena del crimine al tecnico che effettua il test in laboratorio.

    Errori nell’etichettare i campioni :
    Troviamo del DNA sulla scena del crimine, lo raccogliamo e lo cataloghiamo come appartenente ad Unsub1, abbiamo due possibili sospetti, il signor Rossi e il signor Marchi: chi dei due è il colpevole?
    Beh, semplice: facciamo un test e compariamo i loro DNA con quello  di Unsub1.
    Il test ci dice che Unsub1 e il signor Rossi sono la stessa persona, in quanto i due campioni di DNA coincidono con una probabilità di errore pari allo 0.
    Ma dalle indagini effettuate risulta che il signor Rossi nel momento in cui stava avvenendo il crimine si trovava con la famiglia al mare, e la famiglia lo conferma.
    Ha pagato lo stabilimento balneare con la carta di credito, il personale conferma la sua presenza così come anche quello dell’albergo… Lo hanno visto tutti il signor Rossi alla località balneare, ci ha passato una settimana intera. Allora come ha fatto a lasciare il DNA sulla scena di un crimine avvenuto a 300 km di distanza?
    Probabilmente c’è stato un errore nel catalogare i campioni e le etichette Marchi e Rossi sono state scambiate.
    In un caso come questo basta ripetere il test.
    Ma cosa succede se i campioni raccolti e catalogati durante una particolare indagine sono migliaia, perché si è deciso di comparare il DNA di Unsub1 con quello dei 20.000 abitanti di una certa zona?
    E cosa succede se un errore di catalogazione dei campioni viene commesso durante la compilazione di un archivio generale del DNA?
    Che succede se scambiamo il DNA trovato sulla scena di un omicidio con quello trovato sulla scena di una rapina mentre stiamo compilando il database?

    The Night Stalker:
    Londra, uno stupratore seriale ha commesso oltre 140 aggressioni sessuali lasciandosi dietro una lunga scia di materiale biologico; per fortuna, esiste il mezzo per inchiodare il colpevole tra i tanti sospetti ed indagati.
    Tra questi ci sono due omonimi, uno venne escluso, l’altro finì dietro le sbarre.
    Ci vollero mesi e mesi di ulteriori stupri e aggressioni sessuali  perché la polizia si rendesse conto che probabilmente c’era stato un errore e che The Night  Stalker era ancora a piede libero.
    Come nel caso dell’esempio dei signori Rossi e Marchi c’era stato un errore nella catalogazione dei campioni, facilitato dall’ omonimia dei due sospettati, ed era stato arrestato e condannato l’uomo sbagliato… Nonostante avesse un solido alibi.

    Errata “interpretazione” del profilo genetico:
    Sacramento, California, abbiamo un caso di stupro, ed abbiamo un campione di DNA estratto da materiale biologico raccolto dal seno della vittima.
    Da questo DNA il tecnico di laboratorio “sviluppa” un profilo genetico che viene confrontato con quelli raccolti e catalogati nel database della California e risulta corrispondente a quello di un uomo che vive proprio nell’area di Sacramento.
    Parte quindi un’investigazione più approfondita nei confronti di quest’uomo ma l’operazione anziché certezze solleva solo grossi dubbi, dunque un supervisore del laboratorio torna a studiare i report del test effettuato e scopre che il tecnico interpretando il profilo derivato dal campione aveva deciso che il campione conteneva una mistura di DNA provenienti da un maschio e da una femmina, mentre in realtà proveniva da due maschi.
    Quando un campione presenta DNA misti provenienti da diversi individui è difficile sia stabilirne il numero sia identificare i profili specifici, quando poi il materiale a disposizione è poco o degradato la possibilità di commettere degli errori d’interpretazione è altissima.
    In queste circostanze molto facilmente si verifica quello che gli americani chiamano “allelic dropout” che consiste nel non riuscire ad identificare tutti gli alleli dei contributori, cioè delle due o più persone i cui DNA sono mescolati nel campione e altrettanto frequentemente può verificarsi  l’ “allelic dropin” cioè si può essere ingannati dal ritrovamento di alleli incompleti o falsi alleli.
    Determinare quali alleli assegnare a quale contributore specialmente quando non si sa né quali alleli sono validi e quanti sono andati persi né quanti sono i possibili contributori rende molto difficile approdare ad una precisa identificazione dei medesimi in quanto il tipo di dati ottenibili e il numero di incertezze rendono l’esame un po’ troppo soggettivo e dipendente dalle capacità interpretative del tecnico piuttosto che da criteri solidamente oggettivi.

    Uno studio del 2011 ha messo alla luce l’alto grado di soggettività nell’interpretazione di campioni DNA misti e nella conseguente potenziale possibilità di false incriminazioni e condanne di innocenti :
    Itel Grior e Greg  Hampikian  chiesero a 17 analisti qualificati provenienti da altrettanti laboratori accreditati di valutare indipendentemente le prove basate sul DNA utilizzate per provare che un Georgiano aveva partecipato ad uno stupro di gruppo.
    Agli analisti vennero consegnati il profilo genetico del Georgiano ed i risultati dei test effettuati sul DNA prelevato dalla vittima dello stupro e non venne detto loro nient’altro su altri aspetti del caso eccetto le informazioni scientifiche utili all’interpretazione dei risultati del test e venne chiesto loro di giudicare unicamente con dati scientifici se il Georgiano dovesse essere incluso o escluso come possibile contributore del campione di DNA misto.

    Dodici analisti dissero che doveva essere escluso.
    Quattro giudicarono le prove non decisive e solo uno si trovò d’accordo con l’interpretazione che aveva causato l’incarcerazione del Georgiano e cioè che dovesse essere incluso tra i contributori.

    E’ interessante notare come differenti analisti giungano a conclusioni contrastanti pur utilizzando dati identici.
    Non era improbabile che gli analisti che avevano  testimoniato contro il Georgiano al processo fossero stati influenzati da materiale investigativo che già suggeriva la colpevolezza dell’imputato.

    Come identificare gli errori:

    Non sempre è facile provare che durante i test del DNA è stato commesso un errore, l’autorità e l’inconfutabilità attribuita alle prove basate sul DNA sono tali da far sorgere dei dubbi solo quando molte altre prove in qualche modo tendono a contraddirle.

    Timothy Durham venne accusato dello stupro di una bambina ad Oklahoma City.
    Durham al processo produsse 11 testimoni, inclusi i suoi genitori, che asserirono all’unanimità che mentre lo stupro avveniva, lui si trovava a Dallas, cosa confermata anche dalle ricevute delle carte di credito.
    Ma l’accusa aveva dalla sua l’identificazione da parte della vittima e prove basate sul DNA, quindi Durham venne condannato.
    Ma Durham ebbe fortuna: una parte del DNA prelevato dal seme ritrovato sulla vittima era ancora disponibile e la famiglia di Durham poteva permettersi le spese per rifare il test e così non solo lui venne escluso come fonte del DNA trovato sulla vittima ma venne dimostrato che il precedente test era sbagliato.
    Durham è uno dei tre uomini inizialmente incarcerati sulla prova del DNA e successivamente scarcerati perché i test effettuati inizialmente erano sbagliati.
    Gli altri due sono Josiah Sutton, incriminato a causa di un errore d’interpretazione del profilo genetico e Gilbert Alejandro incarcerato sulla base di un test volutamente falsato dall’analista.

    Non basta però rifare il test.
    Spesso gli errori originati da contaminazione dei campioni, cattiva catalogazione e coincidenze nella corrispondenza non vengono rilevati poiché il nuovo test semplicemente replica l’erroneo risultato del primo.
    In molti casi il primo test esaurisce il materiale genetico a disposizione e non rimane niente su cui rifare un nuovo test inoltre spesso chi è incriminato da prove del DNA difficilmente ottiene la possibilità di effettuare un altro test anche quando il materiale è disponibile.

    Altre volte gli errori vengono alla luce in seguito all’ammissione da parte del laboratorio che ha eseguito il test sbagliando:

    A Philadelphia nel 2000 tale Joseph McNeil venne accusato di stupro e sottoposto a custodia cautelare.
    Il suo profilo genetico corrispondeva a quello trovato in ben tre campioni prelevati dalla vittima: un tampone vaginale, un tampone della cervice uterina e una macchia di liquido seminale sulla biancheria della vittima.
    McNeil fu inflessibile nel dichiararsi innocente e rifiutò un conveniente patteggiamento.
    Il suo stesso avvocato trovava inconcepibile che un test del DNA eseguito su tre diversi campioni potesse rivelarsi sbagliato ma quando esperti indipendenti notarono delle strane discrepanze nei report, l’avvocato chiese e  ottenne l’accesso al materiale genetico perché si effettuasse un nuovo test ad opera di esperti di parte.
    Ne risultò che chi aveva effettuato il primo test aveva erroneamente scambiato i due campioni di riferimento, di McNeil e della vittima, e quindi il profilo genetico trovato in tutti e tre i campioni non era quello di McNeil ma quello della vittima stessa.

    Un terzo metodo per scoprire gli errori sono i test di competenza (proficiency  test).
    Nei laboratori accreditati gli analisti devono fare due test di competenza l’anno che generalmente consistono nella comparazione di campioni di DNA provenienti da fonti note.
    In genere gli analisti sanno di essere sottoposti a test ma non viene loro svelato il risultato esatto finché non hanno tratto le proprie conclusioni.
    Al solito  gli errori sorgono in seguito a contaminazione incrociata o erronea etichettatura dei campioni e talvolta per errata interpretazione di materiale genetico degradato in scarse quantità ma molti laboratori trattano i risultati dei test di competenza come riservati.
    Probabilmente le migliori fonti per ottenere dati inerenti gli errori nei test di competenza sono i report sulle contaminazioni stesse e quelli sulle azioni correttive, i quali vengono conservati da alcuni laboratori.
    Le linee guida fornite dalla FBI DNA Advisory Board raccomandano ai laboratori forensi di eseguire azioni correttive ogni volta che vengono riscontrati errori durante i test di competenza  o nei casi di studio e mantenere tutta la documentazione sulle azioni correttive.
    Molti laboratori ignorano queste linee guida  ma alcuni tengono accurate registrazioni nelle quali si descrivono dettagliatamente situazioni in cui i campioni vengono per esempio mescolati o parte del materiale genetico di un campione finisce su un altro causando falsi positivi.
    Seppur trattati normalmente come confidenziali questi dati possono essere rilasciati in seguito a specifici ordini del tribunale se utili in qualche caso specifico.
    Analizzando i suddetti report si può notare una non indifferente frequenza di errori dovuti alla contaminazione dei campioni con DNA estraneo, spesso di chi li maneggia o proveniente da altri campioni.
    Nel 2008 il Los Angeles Times ha ottenuto documenti sulle azioni correttive da vari laboratori della California trovando molti casi di errori dovuti alle suddette cause.
    Ad esempio tra il 2003 e il 2007 il Laboratorio della Procura Distrettuale della Contea di Santa Clara (California) trovò 14 casi in cui i campioni erano contaminati dal DNA di membri dello staff, 2 in cui erano contaminati dal DNA di sconosciuti e ben 6 in cui il DNA di campioni relativi ad un caso contaminava campioni relativi ad altri casi, tre reports rivelavano scambi di campioni, uno in cui gli analisti riportavano il risultato sbagliato e tre errori nel calcolare le statistiche da riportare in aula per descrivere ai giurati la rarità di un profilo genetico.
    Ma come già detto molti laboratori mantengono riservatezza sui reports relativi agli errori commessi e relative azioni correttive e molti di più ignorano le linee guida non documentando affatto, forse per poter mantenere intorno ai test forensi del DNA una certa aura d’infallibilità.

    Un episodio avvenuto a San Francisco nel 2010 supporta questa interpretazione :
    Un anonimo inviò al San Francisco Public Defender’s Office e alla American Society of Crime Laboratory Director’s Accreditation Board (ASCLD-LAB).
    L’autore della lettera supponeva che i managers del laboratorio di San Francisco avessero volutamente coperto un errore di scambio di campioni costituenti prove in un caso di omicidio.
    In seguito ad un’inchiesta avviata dalla ASCLD-LAB i manager negarono che tale errore fosse mai avvenuto ma un’ispezione rivelò che l’errore c’era stato e che i report erano stati falsificati per coprirlo.
    Simili incidenti sono stati riscontrati in svariati laboratori negli USA.

  • Gravi negligenze, cattiva condotta scientifica e frode

    Dalla metà degli anni 90 c’è un continuo flusso di notizie riguardanti negligenze, cattiva condotta scientifica e frodi nei laboratori forensi americani, e molti eventi coinvolgono il test del DNA.
    Uno dei più frequenti esempi di cattiva condotta è la tendenza a modificare i dati scientifici per  renderli più coerenti con quello che l’analista ritiene essere vero.
    Per esempio l’analista può omettere discrepanze minori (o che lui ritiene tali) tra due profili, problemi con le verifiche o altre incongruenze tra i risultati con la scusa di voler evitare di confondere avvocati e giurati con informazioni superflue e di scarsa importanza; il problema è che l’idea dell’analista su ciò che è vero (e quindi ciò che è rilevante) è spesso basata su informazioni investigative fornitegli da ufficiali di polizia e pubblici ministeri.
    Il fatto che spesso gli analisti siano ampiamente informati su fatti relativi al caso e al sospetto contribuisce a creare pregiudizio nell’analista stesso e di conseguenza influenzare la sua capacità d’interpretazione dei risultati del test, specialmente quando questi sono già  poco chiari a causa di campioni di DNA misti o con scarso materiale genetico o degradati, il pregiudizio interpretativo può del resto operare al di fuori della diretta volontà dell’analista :
    “questo tizio è accusato di stupro e la borsa della vittima è stata trovata nel suo appartamento è abbastanza ovvio quale sarà il risultato del test del DNA”.
    Molti analisti credono che a volte sia necessario forzare i risultati nella direzione desiderata poiché pensano che serva ad aiutare la polizia e togliere dalle strade “il tizio giusto” o spesso tendono a farlo per coprire i propri errori dovuti alla contaminazione dei campioni che come si è già detto sono abbastanza frequenti.
    Molti analisti sono stati licenziati in quanto sorpresi a falsificare documenti di laboratorio per coprire la propria negligenza nell’effettuare i necessari controlli di sicurezza e in particolare la presenza di falsi positivi dovuti alla contaminazione  e a nessuno piace l’imbarazzo professionale recato da report che documentano una frequente presenza di errori nel proprio operato e che mettono in pericolo la propria reputazione in fatto di competenza .
  • Corrispondenze casuali

    Gli impressionanti numeri che accompagnano in aula le prove basate sul DNA contribuiscono a sostenerne la fama d’infallibilità e il potere persuasivo.
    La cosiddetta Random Match Probabilities  (Probabilità di Corrispondenza Casuale) è il numero che rappresenta la frequenza di un particolare profilo genetico in una popolazione di riferimento.
    L’esperto di statistica Bruce Weir ha stimato che la probabilità che due estranei abbiano lo stesso profilo genetico è tra 1 in 200 trilioni e 1 in 2 quadrilioni secondo il livello di struttura genetica della popolazione.
    Numeri così enormemente piccoli rendono facile pensare che non valga neanche la pena di considerare le possibilità di errore… Ma per svariate ragioni è un’idea errata:Primo –  la RMPs  descrive solo la probabilità che due estranei a caso abbiano quel particolare profilo genetico  cioè una corrispondenza casuale, una coincidenza genetica… che è solo una delle possibili cause d’errore, ma non ha niente a che vedere con la probabilità che il profilo di cui si cerca la fonte corrisponda con quello della persona sbagliata per tutta la serie di motivi finora descritti (contaminazione, errata catalogazione, errata interpretazione, risultati volutamente falsati); in altre parole in nessun modo è garanzia che un certo tipo di errori non siano stati commessi.

    Secondo – probabilità così basse come quelle calcolate da Weir sono applicabili con un certo grado di sicurezza a situazioni ideali in cui il laboratorio trova una corrispondenza tra due profili genetici completi provenienti da due singole fonti di DNA.
    Ma abbiamo visto che sulla scena del crimine è molto più frequente trovare campioni contenenti materiale genetico incompleto  o degradato e profili DNA parziali che contengono pochi alleli (marcatori genetici) o misture di DNA provenienti da diverse fonti che non profili completi, chiari e nettamente definiti e spesso un profilo misto può arrivare a coincidere con quello della persona sbagliata (come abbiamo visto prima a proposito degli errori dovuti all’interpretazione soprattutto del materiale genetico misto).
    I laboratori per decifrare e definire un profilo DNA utilizzano una procedura nota in USA come Analisi STR (short tandem repeats) o analisi dei microsatelliti la cui descrizione è facilmente reperibile su wikipedia:

    Si definiscono microsatelliti (o short tandem repeats o STR, anche conosciuti come simple sequence repeats o SSR) sequenze ripetute di DNA non codificante costituiti da unità di ripetizione molto corte (1-5 bp) disposte secondo una ripetizione in tandem, utilizzabili come marcatori molecolari di loci. La loro presenza nel genoma umano non influisce per più del 3%, ma si pensa che comunque essi svolgano una funzione essenziale per la struttura dei cromosomi.
    I microsatelliti presentano un alto livello di polimorfismo e sono marcatori informativi negli studi di genetica di popolazione comprendenti approfondimenti dal livello individuale a quello di specie strettamente affini. Infatti, grazie allo studio dei microsatelliti, è possibile creare un profilo del DNA ( DNA profiling o impronta genetica ) grazie al quale individuare un individuo. Il confronto genetico potrà essere effettuato confrontando la diversa lunghezza dei microsatelliti presenti in individui differenti. Tali differenze caratterizzano il polimorfismo di ripetizione.Essi sono inoltre utilizzati come marcatori molecolari negli studi sulla duplicazione dei geni o sulla loro eliminazione e sulla selezione assistita da marcatori.

 

Analisi di microsatelliti
Negli USA esiste un database criminalistico del DNA, chiamato CODIS (COmbined Dna Indexing System), che prevede l’analisi di 13 STR presenti su 11 dei 23 cromosomi. I loci STR utilizzati nel CODIS, 13 su 11 cromosomi, sono:

STR        Cromosoma      Numero di ripetizioni

TAGA    5             da 5 a 16 volte

TCAT     11           da 3 a 14 volte

GAAT    2             da 4 a 16 volte

CTTT      4             da 12 a 51 volte

TCTG/TCTA        12           da 10 a 25 volte

TCTG/TCTA        3             da 8 a 21 volte

TCTG/TCTA        8             da 7 a 20 volte

TCTG/TCTA        21           da 12 a 41 volte

AGAT    5             da 7 a 18 volte

GATA    7             da 5 a 16 volte

TACT     13           da 13 a 16 volte

GATA    18           da 5 a 16 volte

AGAA   18           da 7 a 39 volte

 

Un altro marcatore, la amelogenina (AMEL) identifica il sesso dell’individuo, in quanto il gene è fiancheggiato da sequenze leggermente diverse sugli eterocromosomi X e Y, e determinandole, si può quindi risalire al sesso. Tutte le varie STR sono precedute e seguite da sequenze specifiche per ogni STR e identiche nei vari individui, tranne eventuali, rare mutazioni. Ibridando tali sequenze con primer, appositamente progettati per non interferire tra loro e per far risaltare le diversità di lunghezza delle varie STR, si sottopone a PCR. Ottenuta così una quantità di STR adeguata, l’elettroforesi capillare darà una serie di bande corrispondenti alle diverse lunghezze degli STR stessi. Confrontando tali bande nel DNA di un sospettato con quelle nel DNA reperito nella scena del crimine, si può arrivare ad una attribuzione o esclusione di responsabilità. Si noti che i cromosomi omologhi materno e paterno possono essere omozigoti o eterozigoti per la sequenza di STR: nel 1º caso avremo una sola banda per il marcatore, nel 2° invece due sfalsate, (e magari un po’meno marcate) in quanto diverso è il numero delle rispettive ripetizioni nell’omologo paterno e in quello materno.

La tabella 15.1 mostra il profilo A, un profilo completo su 13 loci, a confrontato con i profili B e C  che sono incompleti come spesso succede ai profili trovati sulle scene del crimine, a causa di degrado, poco materiale, mistura o presenza di contaminazioni fattori che rendono impossibile determinare il genotipo in ogni locus.
Poiché i profili parziali contengono meno alleli di quelli completi  essi sono più propensi a corrispondere a qualcuno per caso.
Le probabilità che un americano bianco scelto a caso abbia un profilo genetico corrispondente a quelli nella tabella sono di 1 su 250 miliardi per il profilo A, 1 su 2,2 milioni per il profilo B e 1 su 16000 per il profilo C.
Poiché i profili D ed E contengono più di due alleli per ogni locus si tratta di profili genetici misti provenienti da almeno due persone.
Il profilo A coincide con il profilo D, il che significa che il donatore del profilo A potrebbe essere uno dei contributori del profilo misto D… Ma lo stesso potrebbe valere per moltissimi altri profili.

Per esempio se osserviamo il locus D3S1358 l’eventuale contributore della mistura potrebbe avere uno qualsiasi di questi genotipi : 15,16; 15,17; 16,17; 15,15; 16,16; 17,17.

Quindi, visto che così tanti profili potrebbero coincidere con un profilo misto, la probabilità che un non contributore possa essere incluso come contributore e quindi come sospetto è enormemente più alta che in una situazione ideale di confronto tra profili completi provenienti da fonti ben distinte.
Inoltre quando profili incompleti come B e C sono anche profili misti la RMP può essere abbastanza alta da includere migliaia se non milioni di possibili sospetti.

Terzo: altra cosa da notare in relazione alle RMP basse come quelle calcolate da Weir è il fatto che si tratta di probabilità di corrispondenza tra profili di estranei che non hanno alcuna relazione di parentela col donatore del profilo preso in esame.
Ma in condizioni non ideali come quelle che si presentano in ambito forense il pool di possibili sospetti può tranquillamente contenere anche individui in vario grado imparentati tra loro.
In casi del genere la probabilità di corrispondenza casuale tra due profili può essere ben più alta di quelle suggerite dalle RMP.
Prendiamo di nuovo come esempio il profilo A nella precedente tabella: anche se questo profilo ha una probabilità di corrispondere con quello di una persona a caso che non sia parente del donatore di 1 su 250 miliardi, la probabilità di trovare questo profilo in un parente del donatore è assolutamente molto più alta:
Cugini: 1 su 14 miliardi, Zio, nipoti, zia:  1 su 1,4 miliardi, Genitore o figlio: 1 su 38 milioni, Fratelli : 1 su 81.000.
Possiamo quindi immaginare che in caso di profili misti o incompleti considerando gli eventuali gradi di parentela col donatore le RMP possono essere enormemente più alte.

Quarto – Il rischio di corrispondenza casuale di due profili è ancora più alto nel caso in cui il profilo corrispondente a quello del donatore venga cercato in un database nazionale contenente milioni di altri profili, senza contare che potrebbe corrispondere al profilo, contenuto nel suddetto database, di qualcuno che è già stato schedato per altri crimini.
Supponiamo di avere un profilo ottenuto da DNA parziale ritrovato su una scena del crimine e che nella popolazione generale questo profilo abbia una frequenza di 1 su 10 milioni, la probabilità che esso corrisponda a quello di un estraneo innocente  è di appunto 1 su 10 milioni.
Se coincide con il profilo di una persona già sospettata o incriminata in passato per altri crimini viene quasi spontaneo pensare che la corrispondenza non sia casuale.
Nelle ricerche in grandi database come quello del FBI (NDIS – National DNA Index System) che contiene più di 8 milioni di profili ci sono letteralmente milioni di possibilità di trovare una corrispondenza casuale, anche se ciascuno dei profili contenuti nel database corrisponde ad un innocente è altamente probabile che uno o più profili corrispondano al profilo del donatore che ha una frequenza media di 1 a 10 milioni nella popolazione.
Perciò una corrispondenza ottenuta in una ricerca del genere può ben essere accidentale, specialmente se non esistono altre prove che possano confermare un eventuale sospettato.
Quando la media stimata è di 1 su n dove n è un numero assai maggiore della popolazione del pianeta molte persone danno per scontato che quel profilo debba per forza essere unico…in realtà se la frequenza di un profilo è meno di uno ma non arriva allo zero non importa quanto raro il profilo sia. Per esempio se la frequenza di un profilo è di 1 su 10 miliardi la probabilità di trovare un duplicato in una popolazione di 250 milioni di individui non imparentati è di 1 su 40, considerando il fatto che ogni anno la migliaia di profili vengono confrontati con i milioni di profili contenuti nei database le probabilità di trovare corrispondenze casuali sono parecchio elevate… Soprattutto come accade la maggior parte delle volte se cerchiamo profili corrispondenti a profili parziali, degradati o misti che abbiamo trovato sulle scene del crimine.

Statistiche fuorvianti:
Talvolta gli analisti presentano statistiche fuorvianti che esagerano la validità della prova del DNA, ad esempio spesso quando il profilo di sospetto viene confrontato con un campione di DNA misto gli analisti presentano in aula la frequenza del profilo del sospetto piuttosto che quella dei profili che dovrebbero essere inclusi come possibili contributori alla mistura.
E’ una pratica fuorviante poiché il problema rilevante in una situazione del genere è la corrispondenza casuale con la miscela non la corrispondenza casuale col profilo del sospettato.
In un caso in cui il profilo del sospetto è A (tornando a prendere i profili della tabella 15.1 come esempio) e viene confrontato con una mistura come il profilo D la statistica rilevante è 1 su 790.000 non 1 su 250 miliardi.
Un problema altrettanto subdolo sorge nel momento in cui il profilo di un sospettato A viene confrontato con un profilo parziale in cui molti alleli (marcatori genetici) sono andati persi (allelic dropout) E, ogni reale discrepanza tra i profili significa che potrebbero non provenire dalla stessa persona, ma un analista potrebbe tranquillamente affermare che nonostante le discrepanze il sospettato potrebbe benissimo essere un contributore al profilo E.

Testimonianza fallace:
Talvolta succede che un analista in aula fornisca una testimonianza consistente in un errore logico noto come “fallacia del condizionale trasposto” o “fallacia del procuratore” che confonde la RMP con un’altra statistica, la Probabilità della fonte di provenienza che è la probabilità che la persona con un profilo genetico corrispondente a quello ricavato dal campione ritrovato sulla scena del crimine ne sia la fonte.
La RMP può essere calcolata dall’analista utilizzando unicamente i dati relativi al materiale genetico che sta analizzando, mentre l’altra statistica può essere calcolata solo sulla base di tutte le prove a disposizione anche quelle non scientifiche per cui anche se gli scienziati forensi possono presentare  la RMP ( se opportunamente calcolata ed espressa) è improprio per loro testimoniare anche sulla Probabilità della fonte, ma molto spesso lo fanno comunque.

Testo originale in pdf: SSRN-id2214379 (1)

L’onore ai tempi della galera: tra “prova regina” senza corona e distorsioni massmediatiche

“La menzogna, l’abuso del potere, la violazion delle leggi e delle regole più note e ricevute, l’adoprar doppio peso e doppia misura, son cose che si posson riconoscere anche dagli uomini negli atti umani; e riconosciute, non si posson riferire ad altro che a passioni pervertitrici della volontà”
(Alessandro Manzoni, Storia della Colonna Infame)

Non capita spesso che la realtà superi la fantasia ma, le poche volte in cui ciò accade, sembra quasi avere il sapore amaro della beffa.

Così, non può che suscitare un sorriso amaro il fatto che tra i tanti dubbi che si impongono nell’analisi di questa triste vicenda, l’unico vero punto fermo sia che da ormai 39 giorni gli Italiani hanno una nuova strega da mettere al rogo, un mostro sul quale tutte le anime pure possono sputare la loro infinita indignazione: Massimo Giuseppe Bossetti, accusato di essere l’assassino della piccola Yara Gambirasio.

Come ben sappiamo, il verdetto mediatico, e prima ancora vergognosamente istituzionale, di colpevolezza nei confronti di quest’uomo è stato unanime: nessuna pietà, nessuna voce contraria, nessuna obiezione alla verità dimostrata con finezza di particolari da tutte le televisioni, tutte le testate giornalistiche, tutti gli uomini probi ed onesti della nostra Nazione.
Un giudizio talmente unanime, un coordinamento dell’informazione talmente globale, da rasentare l’incredibile: neppure una trasmissione che porti avanti una tesi garantista per far concorrenza alla TV rivale.

Eppure, siamo in Italia: dov’è finita la storica rivalità tra RAI e Mediaset?

Siamo in Italia, e quando la coesione dei media raggiunge questi livelli il dubbio che qualcosa non torni si impone a chi è abituato a guardare le cose usando la ragione e non gli istinti più bassi.

Certo, bisogna ammettere che di tanto in tanto abbiamo assistito alla divulgazione di qualche notizia che sembra apportare degli elementi a discarico di Massimo Bossetti, ma per chi segue con costanza il processo mediatico in questione non è difficile intuire come nella maggior parte dei casi si tratti, piuttosto che di sano garantismo, della solita tendenza di stampo un po’ veltroniano che molti Italiani conservano nel profondo del cuore, e li spinge a voler dare un colpo alla botte ed uno al cerchio: una tendenza che sembra curiosamente acuirsi quando la necessità di mantenere alta l’attenzione del pubblico è impellente.

Sia ben chiaro: se la vicenda relativa al fermo di Massimo Bossetti ed alle successive indagini fosse rimasta confinata nell’ambito dei rapporti tra Procura della Repubblica di Bergamo, inquisito, difensori e testimoni, non avrei avuto nulla da dire.

E come Italiana, che conosce e riconosce l’estrema delicatezza e rilevanza della prevalenza degli interessi pubblici su quelli privati, avrei avuto il dovere, come tutti, di non interferire in alcun modo su questa tragica vicenda.

Ma se l’informazione, inclusa quella del Servizio pubblico, comincia a martellarmi, costantemente, incessantemente, pedissequamente, tentando di piegare la mia coscienza e la mia intelligenza ad una versione quanto meno grossolana, dubbia ed a tratti perfino farsesca, degli avvenimenti, e se per di più un Ministro, contravvenendo al suo alto dovere di riserbo istituzionale, irrompe in casa mia, fornendo con le sue parole la “prova schiacciante” volta ad avvalorare (o ad inaugurare?) la tesi unanimemente colpevolista del giornalismo del mio Paese, allora sono informazione e senso di civiltà e giustizia che mi costringono a diventare “protagonista” della vicenda prendendo posizione e dando vita ad una campagna informativa di stampo garantista attraverso il Web: un ruolo del quale, visti i vergognosi presupposti, avrei fatto molto volentieri a meno.

In queste pagine mi era già capitato di parlare della trasmissione televisiva Segreti e Delitti e di menzionare alcune esternazioni fatte dal conduttore Gianluigi Nuzzi nel proprio profilo facebook: esternazioni pubbliche e leggibili a tutti, che di conseguenza credo di poter riportare senza remore di sorta.
In particolare, nell’articolo Civiltà l’è morta (e il DNA l’ha uccisa) scrivevo:

“Qualche giorno fa mi è stata segnalata, sul profilo facebook del giornalista e conduttore televisivo Gianluigi Nuzzi, la seguente esternazione pubblica:

“Giorno dopo giorno gli innocentisti avranno sempre meno argomenti da spendere per Massimo Bossetti”.

nuzzi

Un’affermazione che lascia l’amaro in bocca in tutta la sua evidente parzialità, una parzialità della quale si è probabilmente reso conto lo stesso autore, che infatti non ha esitato ad aggiustare il tiro qualche ora dopo scrivendo che:
“E’ chiaro che Massimo Bossetti meriti il rispetto per un imputato in attesa di giudizio, come lo merita la sua famiglia, moglie e figli, innocenti. Anche la sua difesa ha diritto/dovere di suggerire piste alternative, avanzare dubbi. Diverso chi si mostra innocentista senza se e senza ma, adombrando manovre torbide degli inquirenti, manifestando assoluta ignoranza su elementi fondamentali come il dna. La mia critica è quindi ai mistificatori.”

Una pezza, questa, che fa però più danni del buco, giacché la prima frase tutto mostrava fuorché il (dovuto) rispetto per un imputato in attesa di giudizio.

Non solo: ci si chiede infatti se tra i mistificatori che manifestano “assoluta ignoranza su elementi fondamentali come il dna” vada annoverata, ad esempio, anche la Dott.ssa Marina Baldi, biologa e specialista in Genetica Medica, fondatrice della società “Consultorio di Genetica” e da oltre 10 anni, dopo relativa formazione professionale, dedita alla ricerca dell’aspetto forense della genetica presso il Laboratorio Genoma, presso il quale è responsabile della sezione di Genetica Forense: la stessa Dott.ssa Baldi che ospite ad Estate in Diretta in data 11 luglio, in relazione alle dichiarazioni di Bossetti circa la sua epistassi ed al possibile trasporto del DNA attraverso l’arma del delitto, ha egregiamente spiegato che stando alle conoscenze del caso in analisi ad oggi disponibili (che riferiscono di un’unica traccia, presumibilmente ematica, di Ignoto1) un tale trasporto del DNA è scientificamente possibile.”

Ebbene, cari lettori, oggi vorrei tornare in argomento, inserendo a scanso di equivoci la schermata con la successiva esternazione del signor Nuzzi relativa a non meglio precisati “mistificatori” che manifestano “assoluta ignoranza su elementi fondamentali come il dna”.

nuzzi-mistificatori

Io non so quante e quali competenze nell’ambito della genetica possa vantare il signor Nuzzi: prendo atto di essere, personalmente, una semplice giurista.
Di conseguenza, è chiaro che le mie personali competenze sulla prova scientifica si limitano alla vexata quaestio relativa al valore probatorio del test del DNA alla luce del ragionevole dubbio e degli altri principi che stanno alla base del processo penale, e quando parlo di possibilità di veicolazione del DNA attraverso l’arma del delitto in caso di unica traccia, non faccio che riprendere le parole di chi ha le competenze per esprimersi in materia.

Mi preme sottolineare che le argomentazioni, esposte anche qui, a sostegno dell’ipotesi del trasporto del DNA mediante l’arma del delitto non sono né infondate né tantomeno succedanee di una qualche mistificazione.
Soprattutto, non sono tali: io non sostengo alcuna tesi, mi limito a porre delle domande per approfondire un dibattito che qualcuno ha ben pensato, al contrario, di poter saltare a piè pari rifuggendo come la peste qualsivoglia forma di contraddittorio.
Non pretendo, tuttavia, di fornire alcuna risposta.

Io rivendico il diritto di contestare la colpevolezza stessa, affrettatamente sventolata a mò di vessillo da troppi pennivendoli dimentichi del codice deontologico, del signor Massimo Bossetti.
Sono infatti nella piena libertà di ritenere non sufficientemente chiari né tantomeno univoci gli indizi a carico del signor Massimo Bossetti, DNA compreso: rectius, DNA e basta, in quanto per il resto non si tratta, a parere di chi scrive, neppure di indizi.
Credo inoltre che la presunzione di innocenza non sia ipotecabile a nessun fine, tanto più che, come ho già scritto altrove e ribadisco, non di rado in Italia si è assistito a casi clamorosi di inchieste errate e/o errori giudiziari anche di notevole gravità.

Detto ciò, è chiaro che il signor Nuzzi è libero di sostenere le proprie tesi colpevoliste e di esprimersi nei termini di cui sopra in relazione agli “innocentisti” che considera “mistificatori”, sebbene ammetta (bontà sua) il diritto della difesa di Bossetti di suggerire ipotesi alternative ed esprimere dubbi.

Comunque, il fatto in sé che il signor Nuzzi abbia espresso questa acre critica ai “mistificatori”, fa pensare ad una persona che disapprova la divulgazione di notizie ed elementi non chiari e/o non accertati: un biasimo del tutto condivisibile.
Meno condivisibile, per chi professa la correttezza e l’assoluta veridicità e verificabilità di quanto viene divulgato, è offrire in pasto al telespettatore notizie non confermate (ed anzi smentite, come la compatibilità dei reperti piliferi) o presentare ipotesi peregrine come una presunta somiglianza di Massimo Bossetti con un uomo filmato dietro la giornalista Gabriella Simoni nella data del ritrovamento del corpo della piccola Yara a Chignolo d’Isola: cose che sembrano, anzi, una evidente contraddizione.

simoni-yara-bossetti

Quando in data 18 luglio 2014, nell’ultima puntata di Segreti e Delitti, veniva mostrato il presente fotogramma, presentandolo come suggestivo della presenza di Massimo Bossetti, mi telefonava un’amica, nettamente colpevolista, invitandomi ad accendere la TV per analizzarlo in quanto neppure lei riusciva a credere che si trattasse proprio di Bossetti: i capelli dell’uomo, infatti, sembravano essere visibilmente più scuri.

simoni

simoni2

Ma c’è di più: Segreti e Delitti invitava chiunque riconoscesse l’uomo nel fotogramma a farsi avanti.
Io non conosco l’uomo nel forogramma, ma osservando gli attimi precedenti della puntata, si scoprono altri dettagli interessanti: in particolare, si può notare come questo fantomatico uomo alle spalle di Gabriella Simoni mostri una particolare somiglianza con un altro giornalista, che può essere isolato facendo alcuni fermo immagine negli attimi precedenti del video.

Eccolo (chiedo venia per il riflesso della finestra, dovuto allo scatto della fotografia allo schermo):

giornalista

giornalista1

Voglio sostenere che l’uomo alle spalle di Gabriella Simoni sia semplicemente un altro giornalista?
Ovviamente non posso avere alcuna certezza in merito, ma al di là degli occhiali, che nei fotogrammi dietro la Simoni non si vedono (non so se come esito della sfocatura o altro), bisogna ammettere che la somiglianza è notevole, a partire da attaccatura e colore dei capelli, passando per colore della sciarpa e del giubbotto, per il pizzetto, per la conformazione fisica, per la forma del naso nonché per la vicinanza dell’uomo al funzionario della protezione civile.

Certo, tutto questo potrebbe anche essere un semplice abbaglio e non avere alcun senso: d’altro canto, ha ben poco senso anche cercare di individuare Massimo Bossetti nel luogo del ritrovamento del corpo di Yara, dal momento che non ha mai negato di esserci stato e che vive a due passi da Chignolo, ragion per cui, recandosi nel luogo, non avrebbe fatto nulla di così diverso dai restanti cittadini della zona, presumibilmente incuriositi dalla macabra scoperta.

Insomma, se al signor Nuzzi non piacciono le mistificazioni, non posso dargli torto: non piacciono neppure a me, e proprio per questo ho deciso di aprire questo blog.
Mi piace meno però che chi vede le mistificazioni negli innocentisti si ostini a non vederle dalla propria parte.
Ancor meno mi piacciono gli innocenti in galera e le gogne mediatiche.
Così come, nell’ordine, non mi piacciono: gli estremisti di ogni denominazione e colore, la musica rap, la disinformazione, la chiusura mentale, i libri Harmony e il mio naso.
Al contrario, mi piace un sacco la democrazia, in cui posso dire liberamente e legalmente che non mi piace l’atteggiamento tenuto da Gianluigi Nuzzi (e dalla maggior parte dei giornalisti e conduttori televisivi italiani) in relazione al signor Massimo Bossetti.

Intanto, mentre oggi arriva la notizia del dissequestro della casa di Massimo Bossetti, proprio ieri era stata fatta una nuova perquisizione: tra le cose sequestrate anche dei biglietti di San Valentino e delle figurine dei figli.
leggo
Risulta poi aberrante la scelta lessicale nell’articolo di Leggo: “gli inquirenti sono a caccia di prove che confermino la sua colpevolezza”.
Certo, alcuni Italiani preferirebbero magari sentir parlare di una caccia “ad elementi utili a scoprire la verità qualunque essa sia”, ma se dovessimo ancora sorprenderci per le scelte lessicali (che pure tanto peso possono avere nella formazione dell’opinione pubblica) non riusciremmo davvero a cavarne piede.

Non ci si può non chiedere però se tutto questo non sia sintomo di una ricerca che, per quanto spasmodica, non sta portando a nulla- e il sequestro di biglietti d’amore e figurine potrebbe essere una cosa quasi comica, se di mezzo non ci fossero una bimba crudelmente assassinata ed un uomo che si proclama innocente che si trova in carcere mentre gli sciacalli mediatici gli scavano la fossa in un modo tanto atroce che, quand’anche riuscisse a provare (sul capovolgimento dell’onere probatorio ho, ahimè, già detto fin troppo!) la propria assoluta estraneità al fatto, ne uscirebbe per sempre profondamente distrutto nel proprio onore e nella propria dignità umana.

Ma siccome so che la sorte di chi sfida la Bibbia in vigore al momento, detta DNA, è quella di finire arrostito nella pubblica piazza, mi permetto di citare un interessante estratto da “Fascino e insidie della prova scientifica”, del Prof. Sergio Lorusso, nella speranza che l’autorevolezza della fonte possa risparmiarmi il rogo:

“In definitiva, per dirla con la Cattaneo, “la scienza regina delle indagini forensi non esiste, o meglio, non dovrebbe esistere. Alla ‘corte’ della Giustizia la scienza può essere paragonata a un Gran Consigliere (che talvolta può diventare anche un cortigiano, nel senso deteriore del termine)”.
Queste osservazioni potrebbero bastare a chiudere il discorso, se non fosse che molto spesso teorici e operatori ne dimenticano l’essenza per lanciarsi alla ricerca di una fantomatica ‘prova regina’ offerta dalla scienza.
Riproponendo schemi logici che sembravano ormai definitivamente accantonati, quelli del modello inquisitorio, con il semplice avvicendamento della ‘prova regina’ per antonomasia, la confessione, con una nuova prova, all’apparenza limpida e oggettiva: la cd. ‘prova scientifica’.
Se l’interazione tra scienza e processo penale è un dato ormai acquisito,sulla scia dell’esperienza nordamericana, e se da tale sinergia è a uscirne sensibilmente mutato, dobbiamo chiederci quali siano le conseguenze ditale fenomeno sul sapere processuale.
Possiamo allora dire che stiamo assistendo ad una mutazione
qualitativa del sapere processuale determinata da un differente modo di condurre le indagini e di dar forma alle prove nel giudizio penale? Non mi sembra.
Se mai, scorrendo rapidamente l’evoluzione delle conoscenze scientifiche e tecnologiche applicate al processo penale nel corso dell’ultimo secolo, ci accorgiamo come, a fronte di un innegabile incremento
quantitativo delle tecniche utilizzabili nell’esame delle tracce del reato, non emerge uno stravolgimento del tradizionale metodo investigativo e di conseguenza del ‘codice genetico’ del sapere processuale.
E allora, senza per questo biasimare o ‘rimuovere’ la scienza applicata al processo penale, occorre che di questa ne sia fatto un uso accorto e consapevole, per evitare che si trasformi in junk science, in ‘scienza-spazzatura’ che distorce e travolge la verità invece di contribuire al suo emergere nella contesa processuale.

Scongiurando errori clamorosi, come quello in cui sono incorsi gli investigatori in Germania, nel caso noto come “la beffa del cotton fioc”, che ho ricordato in altre occasioni e che mi sembra paradigmatico di un uso approssimativo della scienza nel processo penale.
La vicenda è quella del serial killer di Heilbronn, che nel corso di un quindicennio avrebbe imperversato nell’Europa centrale compiendo rapine, furti e omicidi. 
La polizia ne diffonde un identikit: un giovane uomo castano e con la barba sul mento. 
Vengono raccolte numerose tracce dell’oscuro criminale, una quarantina di reperti contenenti frammenti di DNA da esaminare. 
Ed ecco il colpo di scena: il DNA estratto è femminile.
Probabilmente una tossicodipendente, poiché una delle tracce è stata rinvenuta su di una siringa. 

Peccato però che non si trattasse del DNA del colpevole, ma di un’ignara operaia, addetta all’impacchettamento dei cotton fioc nell’azienda che fornisce i tamponi per il prelievo dei campioni alla polizia scientifica: i tamponi erano stati sterilizzati, ma tale operazione non elimina tutte le tracce biologiche.
Un incredibile flop della polizia tedesca avvenuto nel 2010, per ‘tamponare’ il quale – consentitemi il gioco di parole – è dovuto intervenire il Ministro degli Interni del Baden-Wurttemberg a ribadire l’affidabilità dell’esame del DNA e che ha costretto gli organi di polizia a controllare minuziosamente le scorte di tamponi esistenti al fine di evitare altre brutte figure.
Le indagini sul caso sono dovute ripartire da zero, con buona pace dei milioni di euro spesi per identificare la killer inesistente. Anche in Italia, peraltro, non mancano casi eclatanti che confermano i rischi di un ricorso eccessivo e poco accorto agli strumenti scientifici.
(…) 
La ‘prova scientifica’, nuovo totem di un comodo efficientismo giudiziario di stampo tecnocratico, se innalzata impropriamente a ‘prova regina’ del terzo millennio, può trasformarsi in un grande imbroglio.
Sarebbe illusorio cercare nella scienza applicata al processo quelle certezze che sovente quest’ultimo, da solo, non riesce a fornire.”

Ma c’è di più.
Perfino il Corriere, ieri, nonostante il titolone infelice, ha dovuto ammettere che “si continua a scavare, quindi, negli spostamenti del carpentiere di Mapello, ma secondo indiscrezioni non è questa la strada che fa sperare gli inquirenti in una svolta. Tutto sembra coincidere con la monotonia di una vita quotidiana simile di giorno in giorno, ribadita più volte dallo stesso Massimo Giuseppe Bossetti: non sembra esserci una virgola fuori posto, nei suoi tragitti, nei suoi percorsi.”
(fonte: http://bergamo.corriere.it/notizie/cronaca/14_luglio_23/bossetti-estetista-fornitori-sequestrate-anche-fatture-2880db3a-123a-11e4-a6a9-5bc06a2e2d1a.shtml)

Insomma, se quell’unica traccia di DNA, passibile tra l’altro di essere veicolata attraverso l’arma del delitto, e che oggi viene definita di ottima qualità ma il 28 febbraio 2013, secondo le parole del genetista Dott. Portera, era “quantitativamente scarsa e qualitativamente deteriorata” (vedi qui: http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/355481_yara_portera_dal_genoma_lidentikit_del_killer._esito_incerto/?attach_m) è la prova regina a carico di Massimo Bossetti, temo sia destinata a rimanere senza corona.

Questa gogna mediatica potrà forse convincere il popolo che si nutre di pane e televisione (moderno surrogato del vecchio “panem et circenses”), ma credo -e spero- che non tutti gli Italiani appartengano a questa categoria, e come cittadina della Repubblica, personalmente ho la pretesa che non mi si consideri tale.

Quand’anche Bossetti fosse colpevole, ciò che da oltre un mese i nostri organi di informazione si ostinano a propinarci non significa un bel niente.
E vedere buona parte del mio Paese degradata al rango di connivente del più becero giornalismo che specula sul dolore altrui per gettare fango, non solo sull’ipotetico mostro, ma anche sulla sua famiglia e probabilmente sulla verità, e soprattutto pensare che ci sia una continua fuga di notizie coperte dal segreto istruttorio, che non può che suggerire che qualcuno ritenga necessario blandire il pubblico consenso tramite la parte peggiore del giornalismo irresponsabile, è un’offesa che gli Italiani non meritano e che non possono accettare.

Giustizia italiana, dove sei finita?

Di questo non devi rispondere a me né ai nostrani conduttori televisivi impomatati e forti della loro posizione, che hanno ritenuto di dimenticare la tua esistenza, ma all’Italia intera.
Questa vicenda è avvolta di troppe stranezze e troppi dubbi.
Stranezze e dubbi che sono stati sparsi come grandine sulle intelligenze e le coscienze degli Italiani ed ai quali qualcuno, prima o poi, dovrà dare una spiegazione.

Alessandra Pilloni